rotate-mobile
Attualità

La Lombardia potrebbe essere zona gialla a Natale

I casi stanno aumentando: non c'è sovraccarico per le terapie intensive grazie ai vaccini, ma la situazione va monitorata

La Lombardia potrebbe essere zona gialla a Natale. Questo, dunque, porterebbe a un lieve aumento delle restrizioni per fronteggiare l'incremento di contagi da covid-19. Tuttavia, per chi ha il super greenpass, ovvero la carta verde che certifica guarigione o vaccinazione fatta, non ci sono particolari distinzioni con la situazione odierna da zona bianca. 

Secondo quanto emerge dall'ultimo monitoraggio quotidiano dell'Agenzia Nazionale per i servizi sanitari regionali (Agenas) la percentuale dei posti in area medica cresce in 7 regioni e Province autonome. Abbiamo quindi trend in peggioramento in Sardegna (al 5%), Piemonte (all'8%), Abruzzo (al 9%), Emilia Romagna (al 9%), Trento (al 11%), e sopratutto in Calabria (salita al 15%), oltre che in Friuli Venezia Giulia (al 23%). Quanto alle terapie intensive ritornano oltre soglia le Marche raggiungendo il 12% e restano oltre il limite della zona gialla (10%) il Friuli Venezia Giulia (16%) e la Provincia autonoma di Bolzano (14). Trend in calo in Calabria (al 10%), e Liguria (al 10%), così come Umbria (all'8%) e Abruzzo (al 4%).

La situazione in Lombardia

La regione verde è a forte rischio. Il trend di crescita - se mantenuto - porterà la Lombardia oltre le soglie della zona gialla entro 2 settimane. Sono infatti pieni per il 14% i reparti ordinari e l'8% dei letti in rianimazione sono occupati da malati covid.

lombardia zona gialla quando-2-2

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

La Lombardia potrebbe essere zona gialla a Natale

MilanoToday è in caricamento