rotate-mobile
Martedì, 7 Dicembre 2021
Attualità Duomo / Piazza del Duomo

In migliaia all'Arco della Pace per il novax Kennedy. Centro vietato ai manifestanti

La questura segnala 4mila persone all'Arco. In serata, nonostante i divieti, diverse persone si radunano in Duomo

In circa 4mila persone si sono radunate sabato pomeriggio all'Arco della Pace (Milano) per ascoltare Robert Kennedy Jr, avvocato ambientalista e attivista novax, nipote del presidente John Fitzgerald Kennedy assassinato nel 1963. I manifestanti, assembrati e senza mascherine, scandiscono i consueti cori No green pass come "la gente come noi non molla mai" o "giù le mani dai bambini" e mostrano striscioni con la scritta "siamo arrivati liberi su questa terra e liberi torneremo a casa". E nonostante i divieti, dopo la kermesse, in decine si sono presentati in Duomo, cinturati da polizia e carabinieri.

Manifestazione novax con Kennedy (foto Ansa)

Al suo arrivo in piazza Bob Kennedy jr è stato accolto da un fragoroso applauso da parte dei manifestanti. Kennedy ha ribadito tesi senza alcun fondamento scientifico, scagliandosi "contro i vaccini cattivi". "Il Green pass è un colpo di stato, uno strumento che usano per toglierci i diritti, non è una misura sanitaria ma uno strumento di controllo della nostra vita. Uno strumento di sorveglianza", ha detto il nipote di JFK dal palco. "In Usa ci hanno preso tutti i diritti, quello alla proprietà privata e a lavorare, e non solo lì è successo - ha aggiunto -, è stato un colpo di stato globale in soli venti mesi. Se il Green pass è una misura sanitaria perché non è emesso dal ministero della Sanità ma da quello delle Finanze? Credono che siamo stupidi".

Tra i partecipanti alla manifestazione, ci sono anche Gian Marco Capitani, leader del movimento "Primum non nocere" che ha insultato la senatrice a vita, Liliana Segre, e Carlo Freccero ex direttore di Rai 2 che farà un intervento dal palco. "Kennedy ha fatto un discorso magnifico a Berlino nel 2020 - ha detto Freccero parlando con la stampa - e ha spiegato che le pandemie sono come le guerre, cioè fatte per controllare la gente. Spiega benissimo cosa è il controllo, la manipolazione, la propaganda ed è un giurista, quindi sono qui per questo. C'è chi lo considera un disinformatore? Per me è il contrario. È un vero giurista a livello internazionale".

I divieti dei cortei

Il raduno nasce dallo stop alle manifestazioni dei no Green pass in Piazza del Duomo e corso Vittorio Emanuele a Milano. Lo ha deciso il Comitato per l'ordine pubblico che si è tenuto in prefettura poche ore fa in vista del 17esimo corteo no Green pass in programma per sabato 13 novembre. Le manifestazioni, spesso con percorsi non autorizzati, hanno costretto le scorse settimane molti negozi a chiudere le serrande. Le proteste nascono contro l'obbligo di certificazione anti-covid nei luoghi pubblici.

"Da oggi, nei giorni prefestivi e festivi, nonché in tutte le giornate comprese tra il 25 novembre e il 9 gennaio, l'area di Piazza Duomo, comprensiva di corso Vittorio Emanuele, è riservata alle manifestazioni religiose e a quelle civili, culturali, commerciali e di intrattenimento programmate o patrocinate dal Comune di Milano", si legge nella nota della prefettura. Nell'area di piazza Duomo e di corso Vittorio Emanuele saranno infatti allestite installazioni e la struttura dei mercatini di Natale che, "unite al già massiccio afflusso di cittadini, costituiscono impedimento oggettivo a concomitanti manifestazioni che non siano coerenti e compatibili con il contesto, per evidenti ragioni di sicurezza, in particolare sotto il profilo sanitario e di safety", ha proseguito il prefetto di Milano, Renato Saccone.

Le manifestazioni non autorizzate dalla questura saranno consentite solo in forma statica, i manifestanti potranno quindi rimanere in piazza Fontana se decideranno di riunirsi lì. Nel caso invece di una manifestazione autorizzata il corteo sarà consentito, "soltanto con espressa assunzione di responsabilità da parte degli organizzatori del rispetto della normativa anti Covid".

Per i manifestanti che non indosseranno le mascherine durante una situazione di assembramento scatteranno quindi le multe previste dalla legge. Sabato oltre alla manifestazione dei no Green pass è prevista all'Arco della pace un'iniziativa statica contro i vaccini promossa da Robert F. Kennedy Jr, figlio di Bob, e dalla sua associazione Children's Health Defense Europe. Anche a Cremona il prefetto, Vito Danilo Gagliardi, ha deciso lo stop alle manifestazioni contro il Green pass nelle vie del centro città almeno fino al 10 gennaio, anche in vista dell'inizio della Festa del Torrone che si terrà a partire da domani in città.

Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

In migliaia all'Arco della Pace per il novax Kennedy. Centro vietato ai manifestanti

MilanoToday è in caricamento