Ecco Maria, la dottoressa milanese che ha deciso di lavorare in un ospedale della Tanzania

Maria, 30 anni, lavorerà per sei mesi nell'ospedale rurale di Tosamaganga

Ha fatto la valigia ed è salita su un volo per la Tanzania, non per una vacanza ma per aiutare chi ha bisogno. È l'avventura di Maria Sara Cipolat Mis, dottoressa milanese di 30 anni specializzanda in medicina interna, che all'alba di martedì 11 agosto è partita per l'Africa dove lavorerà per sei mesi nell'ospedale rurale di Tosamaganga insieme a Medici con l’Africa Cuamm.

"Mi interessa l’incontro con le persone, conoscere una cultura nuova, andare, osservare e ascoltare, senza giudizio — ha raccontato Maria Sara —. Vorrei offrire le mie conoscenze, rendermi utile e scoprire che posto può avere nella mia vita un lavoro come questo, capire se è una scelta che potrei portare avanti anche dopo la mia specializzazione. Mi affascina l’idea di missione come apertura al mondo, offrire il proprio lavoro e i propri talenti. Ammiro chi ne fa una scelta di vita".

Maria Sara è partita per la Tanzania nel quadro del progetto Jpo di Medici con l’Africa Cuamm, che permette ai medici specializzandi in Italia di trascorrere un periodo di almeno sei mesi della propria formazione in un ospedale africano, affiancati da un tutor esperto. Negli ultimi mesi medici con l'Africa Cuamm ha lavorato per mettere in sicurezza gli ospedali e le comunità in cui lavora contro il Covid-19, che minaccia anche l’Africa.
 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Covid, Lombardia verso entrata in 'zona arancione' da venerdì: cosa cambia

  • Milano, Lombardia diventa zona arancione: le faq per capire cosa si può fare e cosa no

  • La Lombardia diventa zona arancione: adesso è ufficiale. Ecco da quando e cosa cambia

  • Incendio a Cologno, fiamme ed esplosioni nel condominio: casa distrutta, palazzo evacuato

  • "Ve matamos a todos", poi calci e pugni: il folle assalto della 'gang', 5 poliziotti feriti in metro

  • Lombardia verso la zona arancione: ma non c'è nulla da esultare. I numeri

Torna su
MilanoToday è in caricamento