Attualità Melegnano

Scritte razziste, sabato a Melegnano la fiaccolata di solidarietà al 22enne

Attese più di mille persone. La decisione del sindaco cittadino

Ci sarà una fiaccolata antirazzista a Melegnano. L'ha convocata il sindaco Rodolfo Bertoli per sabato 23 febbraio alle quattro di pomeriggio. L'obiettivo è mostrare solidarietà a Bakary Dandio, senegalese di 22 anni adottato a ottobre 2018 da una famiglia melegnanese che lo ospitava già in casa da anni, diventato recentemente bersaglio di attacchi razzisti attraverso due scritte lasciate nell'androne del palazzo in cui vive: la prima d'insulto ("pagate per questi negri di merda"), la seconda con una minaccia di morte ("ammazza il negro") e una svastica.

I carabinieri indagano (e il problema è che nella zona di residenza della famiglia mancano le telecamere di sorveglianza), intanto i genitori del 22enne, dopo la minaccia di morte, hanno deciso di intervenire per difendere il ragazzo, che tra l'altro è perfettamente integrato: sta finendo le scuole medie e ha vinto campionati nazionali di atletica leggera.

I genitori, in particolare, hanno attaccato quei politici che "trasformano l'immigrazione in un problema" e hanno chiesto a Matteo Salvini, leader della Lega e ministro dell'Interno, di solidarizzare con Bakary. La solidarietà è arrivata ("sono vicino alla mamma e abbraccio il ragazzo"), ma Salvini ha anche chiesto alla donna di "rispettare la richiesta di sicurezza degli italiani" e ha rigettato l'interpretazione che il blocco degli sbarchi equivalga a razzismo.

Tornando alla fiaccolata, l'appuntamento è alla stazione ferroviaria: il corteo si dirigerà poi in piazza della Vittoria. Sarebbero già attese oltre mille persone.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Scritte razziste, sabato a Melegnano la fiaccolata di solidarietà al 22enne

MilanoToday è in caricamento