Attualità

Milano città più vivibile in Italia: la classifica di The Economist

Secondo il settimanale londinese la prima è Vienna, mentre Damasco è ultima

Duomo repertorio

Nella nuova classifica delle città più vivibili al mondo, stilata come ogni anno dall'Intelligence Unit di The Economist, Milano primeggia tra le altre città italiane, che figurano tutte intorno al 50° posto, cioè a metà della lista. Il ranking è stato definito tenendo conto di 30 parametri, che vanno dal livello di sviluppo alla stabilità, passando per le infrastrutture, l'istruzione e la vivacità culturale.

Milano, in particolare, si posiziona 46esima, scalzando di un posto Londra. Roma, invece, è al 55° posto, seguendo capitali europee quali Budapest, Dublino e Lisbona. Il capoluogo lombardo così perde tre posizioni rispetto al 2017, quando era 43esima.

Prima tra le 140 città prese in considerazione da The Economist è Vienna, che è anche l'unica città europea ad essere mai arrivata in vetta all'elenco, dove nel 2017 - così come nei sette anni precedenti - compariva l'australiana Melbourne, che quest'anno è seconda. Seguono poi al quarto, quinto e sesto posto la giapponese Osaka, la canadese Calgary e l'australiana Sydney.

In fondo alla lista di The Economist si trovano invece Damasco (Siria), Dhaka (Bangladesh), Lagos (Nigeria) e Karachi (Pakistan). Tra le prime dieci città solo due sono europee: oltre alla capitale austriaca, compare anche la danese Copenhagen. Nessuna città italiana figura invece nella top ten, ma per fortuna nemmeno nell'elenco dei dieci luoghi meno vivibili.

Tra le metropoli che hanno scalato più posizioni nell'ultimo quinquennio, infine, figurano Abidjan (Costa d'Avorio), Hanoi (Vietnam) e l'europea Belgrado (Serbia).

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Milano città più vivibile in Italia: la classifica di The Economist

MilanoToday è in caricamento