Martedì, 26 Ottobre 2021
Attualità

Monopattini: niente 'patentino' ma sì ai 16enni nella proposta della Lombardia

La proposta sarà ora approvata dal consiglio regionale e poi inviata al Parlamento. Previsto l'obbligo del casco e dell'assicurazione

Esclusa per ora l'ipotesi del patentino per condurre monopattini. La commissione trasporti di Regione Lombardia ha approvato a maggioranza una proposta di legge da inviare al Parlamento per modificare l'attuale normativa, senza includere la 'patente' come alcuni consiglieri regionali avevano chiesto.

Il provvedimento prevede l'obbligo del casco e dell'assicurazione per danni a terzi. La novità principale rispetto alla proposta originaria è l'estensione ai sedicenni (e non più solo ai maggiorenni) della possibilità di guidare i monopattini. La proposta, terminato il passaggio nelle commissioni, sarà inserita all'ordine del giorno del consiglio regionale e, se approvata, trasmessa al Parlamento.

Restrizione maggiore, dunque, rispetto ai motorini fino a 50 cc di cilindrata, che invece possono essere guidati (con patentino) anche dai quattordicenni. "E' necessaria un'adeguata formazione e educazione stradale", ha commentato l'assessore alla sicurezza Riccardo De Corato: "I ragazzi di età inferiore ai sedici anni non hanno neanche una base conoscitiva sulle regole stradali, sui divieti, sulla segnaletica. In questi giorni, tra l'altro, durante le manifestazioni, i monopattini sono utilizzati anche come oggetti per colpire le forze dell'ordine".

Sul punto era intervenuto Niccolò Carretta, consigliere di Azione, ritenendo un paradosso la differenza tra motorini e monopattini per quanto riguarda l'età e il patentino e sottolineando che i quattordicenni in possesso del patentino per i motorini hanno già appreso le regole del codice della strada. Viene invece confermato l'obbligo del casco per prevenire traumi anche seri che possono derivare dalle cadute.

Le ordinanze dei sindaci contro i monopattini

Nel frattempo diversi comuni del Milanese si sono mossi con misure ad hoc per contenere incidenti e gravità degli stessi. Rozzano, Bareggio e Sesto San Giovanni per esempio.

A Rozzano si è deciso di emanare un'ordinanza firmata dal sindaco Gianni Ferretti per regolamentare, in maniera più stringente, l'utilizzo dei monopattini elettrici sul territorio comunale. Il primo cittadino, con il suo provvedimento, ha spiegato il comune in una nota, ha disposto "l’obbligo di indossare il casco protettivo, già obbligatorio per i minori di 18 anni, anche ai conducenti di maggiore età alla guida di monopattini elettrici" e ha stabilito "inoltre il limite di velocità di 20km/h su careggiata e piste ciclabili e di 5 km/h nelle aree pedonali".

Le nuove regole sono più "dure" rispetto alla legge 28 febbraio 2020, n°8, che disciplina l'utilizzo dei monopattini elettrici in tutta Italia e dispone limiti a 25 e 6 chilometri orari, oltre che un'età minima di 14 anni per l'utilizzo dei mezzi e l'obbligo di indossare il casco per i minorenni. 

Rozzano, Sesto e Bareggio

Le stesse misure erano già state prese dai comuni di Bareggio e di Sesto San Giovanni, teatro - lo scorso agosto - di un drammatico incidente costato la vita a un ragazzino di 13 anni, morto proprio dopo essere caduto dal monopattino elettrico di un amico. 

"L’uso dei monopattini elettrici va governato per garantire piena sicurezza a pedoni, ciclisti, automobilisti e tutti i soggetti coinvolti negli spostamenti su strada - ha sottolineato il sindaco di Rozzano, Gianni Ferretti - Il monopattino non è un gioco, ma un veicolo che al pari di un'auto o una bici, deve essere guidato con prudenza e nel rispetto del codice della strada". Spetterà alla polizia locale controllare che le nuove regole vengano rispettate e, nel caso, punire i trasgressori.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Monopattini: niente 'patentino' ma sì ai 16enni nella proposta della Lombardia

MilanoToday è in caricamento