menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay
Foto dal profilo Facebook della giornalista

Foto dal profilo Facebook della giornalista

Morta la giornalista di Radio Popolare Letizia Mosca: l'addio commosso di colleghi e ascoltatori

Aveva 54 anni e lascia due figli

È scomparsa a 54 anni dopo una lunga malattia Letizia Mosca, giornalista e voce storica di Radio Popolare. Dopo l'annuncio della sua prematura scomparsa sono stati tanti i messaggi commossi di addio da parte di colleghi e ascoltatori.

L'addio

Mosca combatteva contro un male molto grave da diversi anni. Lascia i suoi due figli di 14 e 12 anni. A ricordarla sul sito di Radio Popolare la collega Lorenza Ghidini: "Nei tuoi 30 anni a Radio Popolare nessuno può dire di essere stato tuo amico se non ha litigato con te almeno una volta. Letizia, sempre sulle barricate, cocciuta, ci sfinivi e poi ci offrivi un caffè con quel sorriso dolce e accogliente che ci disarmava, e non si poteva non volerti bene. E così nel sindacato giornalisti, nei movimenti femministi come 'Usciamo dal silenzio'. Fulminante la battuta che fece un giorno tuo marito: 'Letizia ma tu quando sei stata in silenzio?'".

"Non hai mollato mai - continua la giornalista - nemmeno quando è tornata la malattia, impegnata a crescere due ragazzi liberi e indipendenti. A loro e Marco va oggi l’abbraccio di Radio Popolare, con tutto l’affetto possibile".

"Troppi ricordi, troppe volte che i nostri cammini si sono incrociati, nei cortei, nelle piazze, nelle assemblee - scrive su Facebook l'ex consigliere regionale Luciano Muhlbauer-. Mi mancano le parole. Che la terra ti sia lieve. Ciao compagna e sorella". "Nel 1986 ci siamo conosciuti sul traghetto che andava in Grecia per il meeting dei giovani della Sinistra Alternativa che si teneva in un campeggio in Calcidica, lei per Radio Popolare io per Democrazia Proletaria, - ha ricordato il giornalista di Huffingtonpost, Alfio Nicotra -. Eri bellissima nei tuoi vent'anni e con un sorriso straordinario. Dividemmo tutto in quei giorni: tenda, tempo, servizi radio, nuotate, balli e cene. Negli anni successivi ognuno ha fatto il suo percorso in città diverse ma di volta in volta ci sentivamo o, quando c'era qualche manifestazione a Milano, ci incontravamo per salutarci. Eri felice del tuo matrimonio e di tuo figlio e nel frattempo eri diventata una voce storica di Radio Popolare. Ci mancherai, mi mancherai. Un fortissimo abbraccio ai tuoi cari e ai colleghi della redazione di Popolare Network".

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Coronavirus

Zona arancione: le faq aggiornate al 20 gennaio per capire cosa si può fare

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

MilanoToday è in caricamento