Moschea temporanea in via Novara, il centrodestra insiste: «Non è un luogo adatto»

La tensostruttura attualmente a Lampugnano potrebbe essere trasferita in via Novara al parcheggio di Italia 90. Firme e presidi contro l'idea

Continua la battaglia del centrodestra milanese contro ol'idea di spostare temporaneamente nel parcheggio di via Novara la moschea-tendone collocata al Palasharp. Sabato, in piazza, Forza Italia ha organizzato due gazebo, nei quartieri di Figino e di San Siro, per raccogliere firme contro la proposta del Comune di Milano. In precedenza sempre Forza Italia aveva riunito alcuni suoi esponenti in presidio davanti all'area parcheggio, che risale ai campionati mondiali di calcio del 1990.

«Continueremo questa battaglia al fianco dei cittadini», ha dichiarato Marco Bestetti, presidente del Municipio 7 e coordinatore nazionale dei giovani di Forza Italia: «L'area di via Novara non è idonea per una moschea ma deve essere destinata a parcheggio di interscambio».

Non sta a guardare la Lega, che lunedì 14 settembre alle 10.30 sarà al parcheggio di via Novara per una conferenza stampa a cui parteciperanno Alessandro Morelli (deputato e capogruppo della Lega a Palazzo Marino), Igor Iezzi (deputato eletto nel collegio di via Novara) e i consiglieri della Lega nel Municipio 7 con il capogruppo Francesco Giani.

All'ex Palasharp si trova una tensostruttura regolarmente concessa all'Istituto culturale islamico di viale Jenner. Ma l'area sarà interessata dai lavori per realizzare un palazzetto dello sport in vista delle Olimpiadi invernali del 2026. Al momento il Comune di Milano ha concesso una proroga dal 1 settembre al 31 ottobre, sottolineando però che, se i lavori dovessero incominciare prima, la tensostruttura verrà trasferita in via Novara in attesa di una ulteriore nuova collocazione. 

Il "precedente"

In precedenza, nel 2018, il Comune di Milano aveva provato ad inserire il parcheggio di via Novara tra le aree prescelte nel Piano di attrezzature religiose (previsto come precondizione dalla legge regionale in materia), come destinazione di un luogo di culto per musulmani, ma il Municipio 7 aveva espresso la sua contrarietà (con un ordine del giorno presentato dal Pd e approvato dall'aula) e quindi l'area era stata espunta dal piano.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Milano, Lombardia diventa zona arancione: le faq per capire cosa si può fare e cosa no

  • La Lombardia diventa zona arancione: adesso è ufficiale. Ecco da quando e cosa cambia

  • Vitamina D, che cosa mangiare per farne il pieno

  • Milano, festa al parchetto con gli amici: mix di alcol e droga, ragazzina 16enne in coma

  • Covid, Milano si sveglia in zona arancione: riaprono i negozi. Galli: "Scelta politica"

  • "Ve matamos a todos", poi calci e pugni: il folle assalto della 'gang', 5 poliziotti feriti in metro

Torna su
MilanoToday è in caricamento