Un Natale "made in Lombardia": la regione (e i vip) 'fanno pubblicità' ai negozi lombardi

Il Pirellone lancia la campagna mediatica per stare al fianco dei negozi lombardi a Natale

Il marchio lombardo sul Natale. Con le firme di Iginio Massari, Germani Lanzoni - il milanese imbuttito -, Martina Colombari e Attilio Fontana. "Sostenere i negozi della nostra regione e acquistare prodotti 'made in Lombardia'. Mai come in questo momento infatti è giusto e necessario dare un sostegno concreto alle nostre imprese e ai nostri commercianti", l'appello firmato proprio dal governatore in vista delle ultime ore disponibili per la ricerca di un regalo o per far la spesa in vista del pranzo di Natale.

"Penso, solo per fare alcune citazioni, al Grana Padano, il prodotto Dop più consumato del mondo - ha aggiunto Fontana - alle bollicine della Franciacorta, alla bresaola della Valtellina, al salame di Varzi. E l'elenco potrebbe essere lunghissimo. L'importante è che i doni e i prodotti della tavola natalizia generino un beneficio economico al nostro sistema economico". 

E proprio in questa direzione va la campagna mediatica realizzata dalla Regione insieme a confcommercio e confesercenti Lombardia che vede protagonisti il re dei pasticcieri, l'ex miss Italia e Lanzoni.  Chiaro e inequivocabile il messaggio lanciato in un video da Massari che, immortalato mentre sta terminando la preparazione di un dolce, ricorda: "Tutti possiamo fare la nostra parte. Questo Natale acquista e ordina nei negozi della Lombardia". 
 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Milano, la Lombardia è zona arancione: le faq aggiornate per capire cosa si può fare

  • Zona rossa, zona arancione e zona gialla: quando serve l'autocertificazione

  • Coronavirus, fa paura la variante brasiliana del covid, Galli: "È una cosa pesante purtroppo"

  • Milano, la Lombardia è zona rossa: le faq aggiornate per capire cosa si può fare

  • Lombardia verso la zona rossa da lunedì 18 gennaio

  • Milano, il negozio vieta l'ingresso "alle persone vaccinate di recente": il cartello diventa virale

Torna su
MilanoToday è in caricamento