Martedì, 16 Luglio 2024
Attualità

Undici nuove fermate, quattro città: come cresce la metro di Milano

La M5 sempre più vicina al prolungamento. Tutte le novità in vista

La "lilla" corre. Corre sempre di più. Negli ultimi giorni si sta definendo il futuro della metro M5 di Milano, che dall'attuale capolinea di Bignami dovrebbe arrivare nei prossimi anni fino a Monza, partendo dal capoluogo meneghino e passando per Sesto San Giovanni e Cinisello Balsamo. Nelle scorse ore sono stati fatti due passi formali e burocratici decisivi: prima è arrivato il via libera del comune di Cinisello Balsamo all'ultima proposta di progetto del prolungamento della linea, poi l'esito favorevole della conferenza dei servizi radunata presso la sede di regione Lombardia al Paur, il provvedimento autorizzatorio unico.

Le prime quattro nuove stazioni saranno Testi-Gorky, Rondinella-Crocetta, Lincoln e Bettola, dove ci sarà l’interscambio con l'atteso prolungamento della M1, il cui cantiere è fermo da anni perché la ditta appaltatrice ha rinunciato ai lavori. "Si tratta di un percorso interamente sotterraneo che porterà la metropolitana nel cuore del territorio", aveva sottolineato in una nota il comune di Cinisello. 

Da Bettola la lilla si estenderà poi fino al cuore di Monza, collegando così Milano alla città brianzola, con altre sette fermate. “È una buona notizia per uno dei progetti ai quali stiamo dedicando la massima attenzione qui in città - il commento del sindaco monzese Paolo Pilotto dopo l'ok al Paur -, sapendo che le sette fermate previste contribuiranno a disegnare un nuovo volto per Monza”.

A Monza il progetto prevede il maxi deposito di Casignolo e 7 fermate: Campania, Marsala, Monza Fs, piazza Trento e Trieste, Villa Reale, ospedale e Monza Brianza, che corrisponde alla fermata al polo istituzionale dove ci sono le sedi di provincia, prefettura e questura. I lavori dovrebbero iniziare nel 2025 e avere una durata di 7 anni: "Nei prossimi mesi contiamo di definire con maggiore dettaglio gli interventi in superficie relativi alle aree attorno alle sette fermate monzesi - ha confermato Pilotto -. Inoltre con i diversi soggetti si è discusso delle compensazioni ambientali, in particolare filari di alberi lungo le arterie stradali di maggiore scorrimento, piste ciclabili, marciapiedi e parcheggi".

Le cantierizzazioni di M5, infatti, occuperanno circa 50 ettari, di cui il 70% di area agricola: ben 20 ettari serviranno a costruire il deposito di M5 nell’area agricola del Casignolo. Era stato lo stesso sindaco nello scorso mese di maggio a illustrare al consiglio comunale un primo cronoprogramma: 1.200 giorni di lavoro per la realizzazione del deposito Monza-Casignolo, 1.550 giorni di lavoro per la stazione Campani, 1.870 giorni di lavoro per la stazione Monza Fs, 1.475 per la stazione Marsala, 1.744 per la stazione Trento e Trieste, 1.460 per la stazione Monza Brianza, 1.470 giorni di lavoro per la stazione Parco Villa Reale, 1.348 giorni di lavoro per la stazione ospedale San Gerardo. 

"In questo anno e mezzo di lavori e di incontri l’impegno particolare dell’amministrazione è stato dedicato da un lato a salvaguardare l’integrità della città davanti alla realizzazione dell’opera e dall’altro - ha concluso il primo cittadino monzese - a evitare in qualsiasi modo ogni possibile ritardo nelle fasi progettuali".

"Abbiamo assicurato un passaggio fondamentale per lo sviluppo progettuale ai fini dell'appaltabilità di un'opera che per la Lombardia è assolutamente strategica - ha evidenziato l'assessore regionale all'ambiente Giorgio Maione - perché vogliamo far correre la nostra regione e offrire una occasione di mobilità sostenibile su una delle direttrici più trafficate della Lombardia". Il prolungamento, ha fatto notare l'assessore lombardo alle infrastrutture e opere pubbliche Claudia Terzi permetterà alla linea m5 di diventare "la prima linea metropolitana che unisce due capoluoghi di provincia", sino al nuovo capolinea del polo istituzionale di Monza Brianza, attraversando i comuni di Sesto San Giovanni e Cinisello Balsamo. Undici nuove fermate, quattro città coinvolte: la "lilla" è prontissima a crescere.
 

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Undici nuove fermate, quattro città: come cresce la metro di Milano
MilanoToday è in caricamento