Attualità

Case comunali, ridefiniti i canoni d'affitto concordati: saranno più accessibili per tutti

Rabaiotti: “Vogliamo fare da stimolo anche per altri proprietari, aumentiamo l’offerta di affitto”

Repertorio

Rimettere ordine nel panorama abitativo di proprietà pubblica, ridefinendone alcuni criteri di locazione e spingendo in particolare per l’affitto a canoni accessibili e, quindi, per un maggior dinamismo del mercato che vada incontro soprattutto ai giovani.

Queste le motivazioni di fondo che hanno indotto l’amministrazione comunale di Milano a rimodulare, tramite delibera di Giunta, i criteri di definizione dei canoni d’affitto concordato per le case del Comune, circa 700 in tutta la città. Tutti i contratti in essere e da sottoscrivere in futuro si atterranno quindi a nuove regole di sostenibilità economico-finanziaria decise dall'Amministrazione. 

Come saranno in nuovi canoni d'affitto

In particolare, se il canone richiesto fino ad ora era vincolato esclusivamente alla metratura dell'appartamento e alla sua localizzazione, d’ora in avanti avrà anche una base reddituale: non potrà superare infatti il 20% del reddito netto annuale del nucleo familiare titolare del contratto, e non dovrà essere inferiore al canone sociale in modo da non poter essere equiparato al regime regolatore dell’Erp. Il livello dei canoni praticati, quindi, non solo dovrà risultare intermedio tra i canoni di mercato praticati nella zona considerata e quelli sociali applicabili ad alloggi con caratteristiche simili, ma anche concretamente sostenibile dalla famiglia in affitto.

Nel caso in cui gli inquilini interessati alla ridefinizione del canone risultino morosi, è necessario che, in via preliminare, aderiscano al Piano di rientro della morosità.

“La legge sul canone concordato, nota anche come legge Zagatti, permette di introdurre, accanto ai criteri oggettivi, quali le dimensioni e la localizzazione dell'alloggio, anche criteri soggettivi – interviene l’assessore alla Casa Gabriele Rabaiotti -  Per questo abbiamo pensato di muoverci utilizzando il principio della sostenibilità del canone rapportandolo alla effettiva capacità di spesa della famiglia. Non sono molti gli alloggi del Comune che utilizzano questo canone, ma riteniamo che la nostra decisione possa rappresentare uno stimolo anche per altri proprietari che in questi anni hanno seguito l'invito dell'Amministrazione ad aumentare le case in affitto a canoni accessibili. Questo sforzo non deve fermarsi qui; anche dal successo di questa misura dipende l'apertura della città e il ritorno della popolazione più giovane”.

La nuova intesa territoriale

Questa rimodulazione muove dal rinnovo dell’accordo locale valido per tutto il territorio di Milano per il canone concordato (legge 431/98) sottoscritto nel marzo scorso tra alcune Organizzazioni sindacali (Sunia, Conia e Uniat) e le Associazioni della proprietà edilizia (Assoedilizia, Uppi, Asppi, Appc, Confappi, Federproprietà), e costituirà la base per la definizione di un accordo integrativo (come previsto dalla legge per i grandi proprietari).

L'intesa territoriale, che rimarrà valida per i prossimi tre anni per tutti i contratti di locazione a canone concordato tra privati, divide il territorio cittadino in zone urbane omogenee e, all’interno di esse, individua le possibili fasce di oscillazione del canone, che mediamente risulta del 30% inferiore a quello di mercato. È stata firmata nella sede comunale di via Larga grazie alla mediazione dell’assessore Rabaiotti.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Case comunali, ridefiniti i canoni d'affitto concordati: saranno più accessibili per tutti

MilanoToday è in caricamento