menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay
Un rendering della struttura

Un rendering della struttura

L'inceneritore alle porte di Milano verrà demolito, una bioraffineria al suo posto

L'impianto sarà in grado di produrre acqua calda per il teleriscaldamento e biometano

Ha i giorni contati il termovalorizzatore di Sesto San Giovanni: nelle prossime settimane l’impianto verrà dismesso e demolito. Al suo posto ne sarà costruito uno nuovo, meglio: verrà costruita una “Biopiattaforma”, una struttura da 47 milioni di euro in cui verranno prodotti sia biometano ma anche acqua calda per il teleriscaldamento e fertilizzanti. Tutto solo con “scarti di lavorazione”: i fanghi dei depuratori e “l’umido” raccolto nelle case.

Il via all’operazione è stato sancito venerdì 5 febbraio quando Cap Holding ha acquisito il 79,2% di Core (azienda che si occupa dello smaltimento dei rifiuti di proprietà dei Sesto San Giovanni, Cologno Monzese, Cormano, Pioltello e Segrate). Non solo, l’impianto ha ricevuto l’autorizzazione definitiva da Città Metropolitana il 30 gennaio. I lavori inizieranno nelle prossime settimane, l’area del termovalorizzatore sarà unita a quella del depuratore e la prima linea del nuovo impianto, secondo quanto pubblicato in una nota, sarà operativa da ottobre 2022 mentre a marzo 2023 tutta la struttura sarà pienamente operativa.

La struttura

Da Cap Holding assicurano che si tratta di una vera eccellenza lombarda. La biopiattaforma è l’unico termovalorizzatore autorizzato e realizzato in Italia negli ultimi 10 anni ma oltre alla “ciminiera” ci sarà anche un polo di ricerca avanzata che si è già assicurato un finanziamento di 2,5 milioni di euro grazie a un progetto europeo Horizon 2020.

“Quello che faremo nascere è un impianto all’avanguardia, che intende rispondere alle istanze europee in fatto di energia e ambiente e che può rappresentare per le altre regioni italiane, un esempio da seguire — ha commentato il presidente e amministratore delegato di Gruppo Cap, Alessandro Russo —. Soprattutto alla luce del grande percorso di rilancio che il Paese si appresta a intraprendere grazie ai fondi del Next Generation EU”.

Energia dai fanghi di depurazione e "dall'umido"

Il termovalorizzatore sarà alimentato con 65mila tonnellate di fanghi che ogni anno vengono prodotti dai 40 depuratori distribuiti nella Città Metropolitana di Milano. Proprio i fanghi, che fino a oggi erano materia di scarto, e in alcuni casi venivano smaltiti all’esterno, serviranno a produrre ben 11.120 MWh/anno di calore per il teleriscaldamento e recuperare fosforo da impiegare come fertilizzante. Praticamente il 75% dei fanghi verrà trasformato in energia e il 25% in fertilizzante.

Non solo, l’umido raccolto nei comuni di Sesto San Giovanni, Pioltello, Cormano, Segrate, Cologno Monzese e Cinisello Balsamo verrà trasformato in biometano. Da Cap Holding spiegano che l’obiettivo è sviluppare una “bioraffineria dagli standard avanzati” per ottenere “prodotti ad alto valore aggiunto, pronti per la commercializzazione”.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
  • Attualità

    L'imprenditore milanese che inventa il "buco" per bere dalla mascherina

  • Cultura

    I teatri che a Milano lottano e non vogliono morire

  • Coronavirus

    Come si curano oggi i tossicodipendenti a Milano

Torna su

Canali

MilanoToday è in caricamento