menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Il record del Policlinico: tre bimbi salvati in 10 giorni da malattie rare (nonostante il covid)

I piccoli, tutti con malformazioni rare, hanno dovuto attendere il covid, ma stanno bene

Più forti della sorte. Più forti del coronavirus. Anche grazie ai loro speciali angeli custodi. La nuova vita di tre bimbi è iniziata nei giorni scorsi al Policlinico di Milano, dove sono stati operati subito dopo la fase più acuta dell'emergenza covid per "curare" una malformazione rara al polmone.  

Racconta l'ospedale meneghino, teatro di questo speciale "record": 

Hanno tutti e 3 meno di un anno di vita e già hanno in comune qualcosa di grande. Sono 3 bimbi a cui il destino ha riservato due complicazioni insieme: quella di nascere con una malformazione polmonare congenita, e quella di aver bisogno di cure durante la pandemia da Covid-19. 

Per loro, due maschietti e una femminuccia, proprio i medici del Policlinico hanno però scritto il lieto fine. "Nella maggior parte dei casi - spiega Francesco Macchini, chirurgo pediatrico che insieme alla collega Anna Morandi ha operato i tre bimbi - queste malformazioni, se trattate correttamente, non hanno conseguenze significative sulla qualità di vita dei bambini. Nei primi anni sono previsti controlli ambulatoriali multidisciplinari che con la crescita diventano sempre più diradati. La funzionalità respiratoria è in genere sovrapponibile a quella di tutti gli altri bambini". 

"In tutti e tre gli interventi - spiegano dall'ospedale - è stato asportato il lobo polmonare malato con una tecnica mini invasiva chiamata toracoscopia, che offre numerosi vantaggi: il piccolo recupera in modo molto più rapido, ci sono minori complicanze post intervento, il dolore post operatorio è significativamente minore, e si evitano grandi cicatrici". Di norma, l'intervento per correggere la malformazione polmonare congenita viene effettuato quando il piccolo ha circa 6 mesi di vita, ma per i tre bimbi è arrivata l'epidemia da covid-19 a complicare tutto: "La pandemia - sottolinea Macchini - ci ha costretto a posticipare le operazioni, pur rimanendo entro i tempi ritenuti sicuri e ragionevoli dai maggiori esperti internazionali, cioè sotto l’anno di vita. I bambini sono stati monitorati strettamente durante la fase critica della covid-19 per individuare e trattare precocemente eventuali complicanze, che nei nostri casi non si sono verificate. Qualche settimana fa, con la ripresa delle attività chirurgiche, i bimbi sono stati operati ad una media di 10 mesi di età. Il decorso operatorio è stato buono, e sono già stati tutti dimessi".

L’intervento in toracoscopia "è una procedura tecnicamente molto complessa, possibile solo dopo un adeguato addestramento. Non molti centri di chirurgia pediatrica, nazionali e internazionali, sono in grado di offrirla. Negli ultimi anni - conclude Francesco Macchini - il nostro ospedale è diventato riferimento nazionale per il trattamento di queste patologie. Operiamo 10-15 casi all’anno, numeri elevati per una patologia congenita rara, e pubblichiamo costantemente studi scientifici sull'argomento". 

Tutti questi risultati, ci tengono a sottolineare gli esperti della chirurgia pediatrica, sono stati possibili "anche grazie alla grande professionalità e disponibilità dei colleghi anestesisti, in particolare Luisa Napolitano, del personale del blocco operatorio coordinato dal caposala Carlo Scala e dal personale infermieristico coordinato dalla caposala Annarita La Torre. Senza la loro dedizione nel risolvere le immaginabili difficoltà legate alla 'ripartenza' post-Covid, non avremmo potuto raggiungere questi grandi risultati".

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
  • Attualità

    L'imprenditore milanese che inventa il "buco" per bere dalla mascherina

  • Cultura

    I teatri che a Milano lottano e non vogliono morire

  • Coronavirus

    Come si curano oggi i tossicodipendenti a Milano

Torna su

Canali

MilanoToday è in caricamento