"Emergency hospital 19", il mini ospedale costruito in 11 settimane per la lotta ai virus

Nuova struttura sanitaria all'Humanitas di Rozzano per combattere i virus restando "isolati"

Obiettivo: essere sempre pronti a rispondere in maniera giusta alle emergenza legate ai virus. All'Humanitas di Rozzano nei giorni scorsi è stato inaugurato "Emergency Hospital 19", un nuovo "mini ospedale" costruito in sole 11 settimane con un investimento dal punto di vista strutturale e tecnico di 12 milioni di euro. 

Autonoma e indipendente, la struttura progettata da Techint è dotata di pronto soccorso, diagnostica, terapia intensiva e sub-intensiva, sale operatorie e ambienti di degenza sicuri, che possono arrivare fino a 25 posti isolati. La realizzazione del centro, che sorge accanto all'attuale pronto soccorso, è stata possibile - hanno spiegato i promotori - grazie "all'importante contributo di Intesa Sanpaolo all'Istituto clinico Humanitas e di TenarisDalmine e Fondazione Rocca alla Fondazione Humanitas per la ricerca". "Abbiamo deciso di investire risorse ed energie in una struttura altamente tecnologica, frutto di un know how ingegneristico e medico tutto italiano, che rappresenta una risposta alle sfide del nostro presente", il commento di Gianfelice Rocca, presidente di Humanitas.

L'obiettivo del progetto è chiaro: "Farsi trovare pronti ad affrontare emergenze infettivologiche significa avere percorsi nettamente separati per garantire la sicurezza di pazienti e operatori sanitari, attrezzarsi per liberare dal virus tutte le aree cliniche ad alta intensità di cura in ospedale, quali terapia intensiva e blocchi operatori, così da continuare a garantire i consueti servizi clinici e chirurgici", hanno sottolineato da Humanitas.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

"Abbiamo vissuto un 'ritorno al futuro' delle malattie infettive, di cui covid-19 è solo l'ultimo esempio, con cui dobbiamo imparare a convivere", ha evidenziato Alberto Mantovani, direttore scientifico di Humanitas. "Per farlo è indispensabile essere preparati. Ad esempio con l'Emergency Hospital 19, che significa avere a disposizione il meglio della terapia, un rapporto stretto tra ricerca di laboratorio e clinica, e la possibilità di usare le tecnologie più all'avanguardia, in particolare - ha concluso - gli approcci informatici e di intelligenza artificiale per la cura dei pazienti".

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Offerte di lavoro, Esselunga cerca dipendenti e assume: ecco come candidarsi

  • Milano, paga 15 euro ed esce dall'Esselunga con 583 euro di spesa: "Sono sudcoreana"

  • Bollettino coronavirus Milano: trovate altre 16 persone infette, risalgono i ricoveri

  • Hostess con febbre sul Ryanair Milano-Catania: paura per il covid

  • Sangue sul Sempione, schianto auto moto: morto ragazzo di 20 anni, gravissima l'amica

  • Autostrade, confermato lo sciopero domenica 9 e lunedì 10 agosto: le cose da sapere

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
MilanoToday è in caricamento