Attualità

Sant'Ambrogio era come sul mosaico. Confermato il martirio di Protaso e Gervaso

Le prime scoperte sull'analisi delle ossa dei tre santi. Lo studio è ancora in corso

Il mosaico che raffigura Sant'Ambrogio

Il volto di Sant'Ambrogio nel ritratto a mosaico conservato nella cappella di San Vittore in Ciel d'Oro corrisponde, sostanzialmente, a quella che era l'effige reale del patrono di Milano secondo lo studio dei suoi resti ossei, tra l'altro conservati in modo quasi perfetto così come quelli dei martiri San Gervaso e San Protaso.

E' quanto rivela lo studio (ancora in corso) condotto da una equipe medica guidata da Cristina Cattaneo, ordinario di medicina legale all'Università Statale, sotto la sorveglianza della Sovrintendenza milanese. La Diocesi ha comunicato i primi esiti, ancora parziali, dell'esame delle ossa, confermando tra l'altro alcune delle informazioni che la Chiesa Cattolica tramanda da 1.700 anni.

I resti di Ambrogio, in particolare, suggeriscono che al momento della morte fosse alto circa 1.70 e avesse più o meno 60 anni. Ambrogio, dall'esame osseo, aveva una marcata asimmetria del volto sotto le orbite, dovuta forse ad un trauma fisico di cui è in corso l'approfondimento, e presentava una brutta frattura alla clavicola destra: si sa che il santo si lamentava spesso con la sorella (Santa Marcellina) per il dolore alla spalla destra.

Quanto a Gervaso e Protaso, gli scheletri suggeriscono una parentela (presentano alle vertebre difetti congeniti simili) e un'età fra i 23 e i 27 anni. La tradizione li indica come fratelli gemelli. La loro professione di militari sembra suffragata dalle fratture su gambe e piedi. Uno dei due presenta segni di decapitazione e lesioni alle caviglie, l'altro lesioni da difesa e fratture costali: i segni del martirio.

I resti dei tre santi furono trovati nella seconda metà del XIX secolo in un sarcofago. Secondo quanto tramandato, Sant'Ambrogio aveva trovato i resti di Gervaso e Protaso e aveva chiesto di essere sepolto insieme a loro. Le scoperte arrivate finora, e le altre che verranno, servono alla Diocesi per accompagnare la tradizione religiosa con la dimensione storica. 
 

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Sant'Ambrogio era come sul mosaico. Confermato il martirio di Protaso e Gervaso

MilanoToday è in caricamento