menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Pride: la facciata di Palazzo Marino si illuminerà con i colori arcobaleno

La decisione su richiesta del Partito democratico alla vigilia della giornata in cui si sarebbe dovuta tenere la parata

Palazzo Marino verrà illuminato con i sei colori della bandiera arcobaleno. Succederà nella serata di venerdì 26 giugno, alla vigilia di sabato 27, giorno in cui si sarebbe tenuta la parata del Pride "saltata" per le regole anti-assembramento dovute all'emergenza sanitaria da Covid-19.

Il coordnamento Milano Pride ha trasformato le celebrazioni in eventi digitali, affinché tutta la comunità possa sentire vicinanza e sostegno. E i consiglieri comunali del Partito democratico hanno chiesto e ottenuto che la facciata di Palazzo Marino si tinga dei colori del Pride. Permesso accordato con il consenso della presidenza del consiglio comunale e il sostegno tecnico di A2A.

«Il Comune di Milano - si legge nella lettera sottoscritta dalle consigliere e dai consiglieri del Partito democratico - dimostra sostegno al Pride ormai da diversi anni, non solo attraverso il patrocinio e la partecipazione alla parata, ma anche con politiche in difesa dei diritti civili. In questo momento, dove la coesione sociale è ancora più indispensabile per il bene comune, l'amministrazione potrebbe rinnovare la sua vicinanza e il suo supporto nei confronti della comunità Lgbt+ milanese con un’azione mai fatta prima».

Per il capogruppo del PD Filippo Barberis si tratta di «un importante segnale di vicinanza anche in quest'anno così difficile, per un'iniziativa che ha ormai raggiunto una dimensione popolare di partecipazione entrando nel cuore di moltissimi milanesi e portando un prezioso messaggio in favore dell'amore contro ogni discriminazione e pregiudizio». 

«Illuminare Palazzo Marino con i colori dell'arcobaleno - spiega Michele Albiani, responsabile Diritti del Pd Milano Metropolitana -avrebbe un valore molto più che simbolico. Proprio nei giorni in cui viene depositato il testo base della legge Zan, una norma vitale per la comunità Lgbt+ - ancora troppo spesso vittima di discriminazioni e violenze -, sarebbe l'occasione per ribadire il nostro supporto a questo importante provvedimento. Ma anche un modo per rinnovare l'impegno quotidiano nella lotta contro ogni forma di odio, a difesa dei diritti di tutte e di tutti«.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Coronavirus

Zona gialla: le faq aggiornate e le regole per capire cosa si può fare

Attualità

È stato creato un giardino zen in pieno centro a Milano

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

MilanoToday è in caricamento