menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay
Il trio e Guerra

Il trio e Guerra

"Il nostro primo contratto firmato sulla carta da pesce": il commosso ricordo di Aldo, Giovanni e Giacomo per Paolo Guerra

Nelle scorse ore si è spento lo storico produttore del trio comico milanese

Si è spento nelle scorse ore a Modena, dopo una breve malattia, Paolo Guerra, storico produttore dei film del trio comico milanese Aldo, Giovanni e Giacomo. 

I tre l'hanno ricordato con una commossa nota, riportando alla luce gli esordi insieme. "I produttori sono persone bizzarre e talvolta sono votate all’eccesso. Era il 1993 e da circa sei mesi tempestavamo di telefonate l’ufficio di Paolo Guerra, perche noi 3 giovani comici volevamo lavorare con un produttore importante come si diceva di lui nell’ambiente, ma la segretaria rispondeva che il dottore era impegnato, non era in ufficio, o che era in tournée con uno dei suoi artisti - raccontano -. In realtà Paolo non aveva nessuna voglia di parlarci, non aveva nessun desiderio di incontrare il solito gruppo di cabaret desideroso di farsi produrre uno spettacolo".

Poi la divertita insistenza: "Ma noi 3 eravamo cocciuti e così un giorno esasperato dall’ennesima telefonata rispose lui urlando e disse : “Io affitto il teatro di Cesenatico, voi venite con le vostre quattro scenografie scalcagnate e mi fate vedere il vostro spettacolo”. Non aggiunse di merda ma sicuramente lo pensava. Alle ore 15.30 si è aperto il sipario del teatro di Cesenatico, il pubblico in sala era composto da Paolo Guerra, la moglie Emanuela, il figlio Mattia di 4 anni e il cane Saetta, un Labrador color nocciola. Alla fine dello spettacolo Paolo è venuto in camerino tutto raggiante urlando “Siete riusciti a far ridere anche il cane!”".

Fu l'inizio di un grande sodalizio: "Finimmo la serata seduti al ristorante, e dopo il caffè prese la carta marrone su cui era stato servito il fritto di pesce e ci fece firmare il primo contratto. Con quella carta dalla nuance di calamari siglammo un accordo che ci ha portati fino a qua, fino all’ultimo film fatto insieme Odio l’estate. Siamo sicuri che da qualche parte, nell’universo, starà cercando di mettere sotto contratto qualcuno. Ciao Paolo".

Chi era Paolo Guerra

Nato nel 1949, laureato in Economia e Commercio, negli anni Ottanta fu importante promoter musicale. Si occupava della produzione (anche discografica) e distribuzione degli spettacoli di artisti come Enzo Jannacci, Enrico Ruggeri, Skiantos e molti altri. Intensa anche l'attività internazionale, con la distribuzione in Italia di "world music" ma soprattutto di alcuni gruppi "storici" del punk e New wave dell'epoca, come Siouxsie and The Banshees, i Lounge Lizards di John Lurie e Steve Piccolo, i Rip Rig & Panic di Neneh Cherry, Echo and the Bunnymen, A Certain Ratio, il "mito" degli anni settanta Nico (ex Velvet Undreground).

Dal 1986 in poi avvia una stretta collaborazione con uno dei maggiori talenti della scena di quel periodo: Paolo Rossi, di cui Guerra comprende le grandi potenzialità. Produsse alcune delle sue opere teatrali migliori, con importanti riconoscimenti di critica e pubblico (tra gli altri, Il circo di Paolo RossiRabelaisRomeo & Juliet–serata di delirio organizzatoQuesta sera si recita MolièreIl Signor Rossi e la CostituzioneIl Signor Rossi contro l'Impero del male).

Agli inizi degli anni Novanta, poi, l'incontro con il trio milanese. Il primo lavoro fu il film scritto e diretto da Aldo Giovanni e Giacomo con Massimo Venier: Tre uomini e una gamba, che si rivela il caso cinematografico di quegli anni, con oltre 45 miliardi di lire di incasso e che viene candidato ai David di Donatello come miglior opera prima. Seguono nel 1998 Così è la vita; nel 2000 Chiedimi se sono felice, decimo film più visto di sempre in Italia; nel 2002 La leggenda di Al, John e Jack; nel 2004 Tu la conosci Claudia?; nel 2006 Anplagghed al cinema in cui Guerra propone l'esperimento di uno spettacolo dal vivo trasformato in film in alta definizione e distribuito regolarmente nella stagione cinematografica per oltre due mesi; nel 2008 Il cosmo sul comò; nel 2010 La banda dei Babbi Natale, premiato col biglietto d'oro dell'Associazione Nazionale Esercenti Cinema; nel 2013 Ammutta muddica al cinema, programmato nelle sale per un solo giorno creando un vero e proprio evento cinematografico. Nel 2014 produce Il ricco, il povero e il maggiordomo, il film più visto delle festività natalizie. L'ultimo lungometraggio, infine, nelle sale in questi giorni, è Odio l'estate

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Coronavirus

Cos'è la "certificazione verde" per uscire dalla Lombardia e come si ottiene

Coronavirus

Vaccini covid, il 22 aprile partono le prenotazioni per i 60-64enni

Attualità

Netflix ha ambientato una serie tv a Milano

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
  • Elezioni comunali 2021

    Il nostalgismo

  • Porta Nuova

    In piazza Gae Aulenti è comparso un enorme caprone di legno

  • Cologno

    Le sette caprette salvate a Cologno (Milano)

Torna su

Canali

MilanoToday è in caricamento