menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay
Ilda Boccassini

Ilda Boccassini

Ilda Boccassini va in pensione: da Totò Riina al caso Ruby, tante le inchieste note

La carriera del magistrato, che compirà 70 anni a dicembre e contestualmente terminerà di lavorare

E' prossima alla pensione Ilda Boccassini, storico pubblico ministero a Milano, protagonista di numerosi processi che hanno coinvolto personaggi importanti. La pensione (per raggiunti limiti di età) scatterà l'8 dicembre 2019: il Consiglio Superiore della Magistratura ne prenderà atto fin dalla prossima settimana, approvando il provvedimento di collocamento a riposo.

Boccassini è nata a Napoli il 7 dicembre 1949. E' entrata in magistratura nel 1979, a trent'anni, prendendo servizio a Brescia per poi essere trasferita a Milano dopo pochi anni. La sua prima inchiesta importante, Duomo Connection, risale al 1989-1990 e riguarda la mafia al nord. E' condotta in collaborazione con Giovanni Falcone. Con la Duomo Connection vengono alla luce i legami tra il traffico di droga, l'infiltrazione nell'economia "pulita" e quella nella politica. Saranno infatti condannati sia esponenti dei clan mafiosi (primo tra tutti Antonino Carollo) sia imprenditori, dirigenti e politici.

La Duomo Connection e le stragi in Sicilia

L'inchiesta colpisce infatti l'ex assessore all'urbanistica Attilio Schemmari (accusato della lottizzazione di un'area a Ronchetto sul Naviglio), poi assolto in Cassazione, e l'allora sindaco Paolo Pillitteri, che però evita il processo grazie alla sua assenza dalla riunione di giunta che ha ratificato la delibera "incriminata". Viene interrogata anche una dirigente nazionale del Psi dal nome altisonante, Anita Garibaldi, pronipote dell'Eroe dei due Mondi, che però non è toccata dall'inchiesta.

Nel 1992, dopo le stragi che portano alla morte di Giovanni Falcone e Paolo Borsellino, chiede il trasferimento a Caltanissetta per indagare su mandanti ed esecutori, che riesce a individuare. Ed è anche suo il merito della cattura, nel 1993, di Totò Riina. Nel 1994 torna a Milano e sostituisce Antonio Di Pietro nel pool Mani Pulite.

Le Nuove Br e il caso Ruby

Sua l'indagine che, nel 2007, porta alla cattura di 15 esponenti del Partito comunista politico-militare (erede di Seconda Posizione delle Br), tra cui il leader Alfredo Davanzo. Diventata procuratore aggiunto, indaga sul caso Ruby, che ha coinvolto una ragazza minorenne di origini marocchine sospettata inizialmente di un furto e poi anche di prostituirsi ad Arcore nella villa dell'allora presidente del consiglio Silvio Berlusconi. E' il 2010. 

Negli anni successivi Boccassini si occupa ancora di mafia e terrorismo, ma anche di altri temi: guida, per quasi due anni, il pool anticorruzione. Sua l'inchiesta di luglio 2019 che porta a scoprire un profitto illecito di 7 milioni di euro da parte di quattro Onlus "sulla pelle dei migranti".

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Coronavirus

La Lombardia torna in zona arancione, la decisione

Coronavirus

Che fine farà lo smart working a Milano dopo la pandemia

Ultime di Oggi
  • Coronavirus

    La Lombardia sta accelerando sul fronte vaccini anticovid

  • Coronavirus

    Da oggi la Lombardia è in zona arancione

Potrebbe interessarti
In primo piano
  • Cologno

    Le sette caprette salvate a Cologno (Milano)

  • Sport

    Il nuovo logo dell'Inter

Torna su

Canali

MilanoToday è in caricamento