Attualità

L'economia lombarda ha un problema con le nutrie

Coldiretti Lombardia: "Non si tratta solo di una questione agricola"

Istituire un tavolo tra gli assessorati regionali all’Ambiente, al Welfare e all’Agricoltura e i rappresentanti del mondo agricolo per una gestione coordinata e sistemica di un’emergenza ormai fuori controllo. È quanto afferma la Coldiretti regionale commentando il nuovo Piano regionale 2021-2023 di eradicazione, controllo e contenimento della nutria in Lombardia, approvato dalla Giunta regionale su proposta dell’assessore Fabio Rolfi.

Nutrie danneggiano i binari

“Finora Regione Lombardia ha fatto sforzi importanti per arginare il problema – afferma Paolo Voltini, presidente di Coldiretti Lombardia – e l’approvazione del nuovo documento conferma quest’attenzione, ma servono ulteriori risorse da mettere in campo anche a livello nazionale. Bisogna inoltre arrivare all’approvazione del progetto di legge che propone alcune modifiche alla legge regionale sul contenimento e l’eradicazione della nutria, in un’ottica di maggiore flessibilità amministrativa e operativa”.

Non si tratta solo di una questione agricola – spiega la Coldiretti Lombardia –. Siamo di fronte a un problema che riguarda anche la salute pubblica, la tutela ambientale e la tenuta idraulica. I danni provocati dalle nutrie sono molteplici – precisa la Coldiretti Lombardia –. Oltre a distruggere le coltivazioni, scavano le loro tane lungo l’argine dei fossi creando dei veri e propri tunnel che minano la tenuta del terreno, con il rischio di incidenti per chi è al lavoro nelle campagne. Questi animali – continua la Coldiretti regionale – si nutrono di una grande varietà di vegetazione, hanno un impatto negativo anche su altre specie animali e possono costituire un veicolo di trasmissione di malattie come la leptospirosi.

La loro proliferazione incontrollata, inoltre – prosegue la Coldiretti regionale – spinge sempre più questi roditori anche nei pressi dei centri abitati. Si aggiungano poi i pericoli sulle strade: le nutrie invadono le carreggiate, provocando incidenti e mettendo in pericolo la sicurezza delle persone. Non è un caso quindi – sottolinea la Coldiretti Lombardia – che la nutria sia inserita tra le 100 specie aliene più dannose del mondo. “Gli agricoltori sono impegnati in un continuo miglioramento del loro lavoro – conclude il presidente Paolo Voltini – per un’agricoltura sempre più sostenibile e attenta al benessere, ma tutti gli sforzi saranno inutili se non riusciremo a proteggere la loro salute e le loro attività dalle incursioni fuori controllo dei selvatici, che sono un vero flagello”.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

L'economia lombarda ha un problema con le nutrie

MilanoToday è in caricamento