menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay
Foto MiaNews

Foto MiaNews

Saint Bon, la ciclabile della discordia: "Disagi agli anziani che vanno al Centro Diagnostico"

La replica di Granelli (assessore alla mobilità): "Il Cdi costruisca un suo parcheggio interrato se non bastano i 150 posti auto che ha già"

Quarantadue incidenti con persone a piedi investite dal 2011 al 2020 sull'asse di via Berna e via Zurigo, estrema periferia sud-ovest di Milano, e sette decessi. E' la fotografia dell'asse stradale che riguarda anche viale Legioni Romane, dove invece gli incidenti sono stati in tutto 188, di cui 26 con coinvolgimento di pedoni (quattro di loro deceduti). Una specie di autostrada cittadina, diventata troppo pericolosa per la collettività. E' per questo che il Comune di Milano ha deciso di realizzare una corsia ciclabile, presentando il percorso in commissione a Palazzo Marino. Con alcune contestazioni da parte di diversi residenti.

«Dobbiamo fare in modo che il traffico si fermi prima di entrare in città. Le strade in esame sono circondate da abitazioni e vanno messe in sicurezza», ha spiegato Marco Granelli, assessore alla mobilità. «Il Municipio non è stato interpellato. Abbiamo scoperto della cosa quando abbiamo visto i cantieri. Inoltre sono stati spesi 600 mila euro prelevati dalla manutenzione straordinaria delle strade», ha ribattuto Marco Bestetti, presidente del Municipio 7, contrario all'opera. E sullo spostamento dei fondi dalla manutenzione alla corsia ciclabile, Alessandro De Chirico di Forza Italia ha minacciato l'esposto alla Corte dei Conti. Favorevole invece Santo Minniti, presidente del Municipio 6, che però ha suggerito di ridurre i tempi dei semafori in alcune strade limitrofe all'asse principale per diminuire il traffico.

Granelli ha raccolto le osservazioni e ha promesso che, nelle prossime settimane, verranno prese in considerazione. Quindi si ripenserà ai tempi dei semafori così come alle sistemazioni "geometriche" per le svolte e, infine, all'aumento di strisce blu per tutelare la sosta dei residenti, alla sosta degli invalidi e al carico-scarico di merci.

La ciclabile "cancella" i parcheggi davanti al Centro Diagnostico, polemiche

Ma le polemiche sono state anche su via Saint Bon, dove ha sede il Centro diagnostico italiano. Anche qui una nuova corsia ciclabile che sta creando parecchi problemi di mobilità e di attraversamento da parte dei pazienti, soprattutto anziani, che devono recarsi nel centro. Secondo i residenti, la ciclabile di via Saint Bon avrebbe dimezzato la sosta nella via creando problemi agli anziani e aumentando il traffico. Poco parcheggio anche presso il vicino ospedale miltare di Baggio. «Il sindaco ha disegnato le nuove ciclabili senza studiare i flussi del traffico, creando code e smog, lasciando il Cdi e l'ospedale militare senza parcheggio con disagi ai pazienti, disatteso la richiesta di sicurezza stradale anche di notte. Chiediamo di ripristinare due corsie per senso di marcia in Legioni Romane, Berna, Zurigo, lasciare i parcheggi per i pazienti in via Saint Bon e non modificare la viabilità di Via Lucerna», ha dichiarato Fabrizio De Pasquale, capogruppo di Forza Italia.

Ma, per Granelli, il Cdi «deve porsi il problema dell'accessibilità. Ha un parcheggio di 150 posti in unico livello, può investire e realizzare un parcheggio sotto terra in quell'area e non usare le strade della città per svolgere la propria attività. Crediamo che le realtà che aprono servizi devono fare in modo di avere parcheggi e non usare quelle dei residenti. Se serve qualche spazio in più davanti al Centro Diagnostico si può fare. Mi permetto di dire, l’ho anche scritto al Centro, ha lì un cortile in cui si può fare la salita e discesa delle persone come ha già messo a disposizione 150 posti auto; se ne servono di più può anche pensare di fare un parcheggio in struttura nella sua area. Crediamo che quelle siano soluzioni, non certo utilizzare il parco tra il Centro Diagnostico e le case popolari del Comune per fare un parcheggio, questo non lo faremo», ha concluso l'assessore.

Per muoverti con i mezzi pubblici nella città di Milano usa la nostra Partner App gratuita !

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Coronavirus

La Lombardia torna in zona arancione, la decisione

Coronavirus

Che fine farà lo smart working a Milano dopo la pandemia

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
  • Cologno

    Le sette caprette salvate a Cologno (Milano)

  • Sport

    Il nuovo logo dell'Inter

Torna su

Canali

MilanoToday è in caricamento