rotate-mobile
Sabato, 21 Maggio 2022
Attualità Corsico

Il poeta che parla della Milano di oggi in dialetto - Episodio 3 di Mest(ieri)

Si chiama Daniele Gaggianesi, ha già scritto due libri ed è anche attore

Non capita spesso di incontrare qualcuno che di lavoro fa il poeta. A noi, sicuramente, non era mai successo prima, così prima di arrivare al nostro incontro con Daniele Gaggianesi, che svolge proprio questa professione - per di più scrivendo in dialetto milanese - non sappiamo bene cosa aspettarci. Sarà un signore dal profilo importante di dantesca memoria o un uomo in carne e canuto alla Montale? Niente di tutto questo, ad aspettarci sul Naviglio Grande, dove ci siamo dati appuntamento, è un giovane dall'aspetto ordinario e l'aria calmissima di chi ha avuto il coraggio di inseguire le proprie passioni.

Mest(ieri) di Milano: il nuovo format sui lavori di una volta

Il poeta che parla della Milano di oggi nel dialetto di ieri: VIDEO

Ma come si diventa poeti, oltretutto dialettali, nel 2021? Daniele, che vive a Corsico (Milano) e ha 38 anni, dopo il liceo scientifico ha studiato alla scuola d'arte drammatica Paolo Grassi, dove si è diplomato in recitazione. Da ormai 14 anni lavora come attore, ma nel frattempo, oltre a laurearsi anche in lettere moderne, non ha mai trascurato di coltivare due suoi grandi interessi, quello per la poesia e quello per il dialetto milanese. "Nel tempo libero - ci rivela - corro sul Naviglio (e non solo) recitando poesie milanesi o mie versioni in milanese di canzoni pop". Una sua performance è attesa sabato 19 febbraio al Teatro del Borgo di Milano.

Daniele Gaggianesi-3-2

(Lo spettacolo di Daniele Gaggianesi)

"Il dialetto lo parlavano i miei nonni paterni - ci racconta Daniele -, ma noi nipoti eravamo obbligati a rispondere in italiano, perché all'epoca c'era l'idea che il milanese tradisse le proprie umili origini. Forse proprio per questo divieto, il milanese nel mio immaginario è diventata una lingua molto affascinante: il mio è stato un percorso di resistenza rispetto a un processo di oblio". Ma con questo dialetto, che nella nostra città viene parlato ormai quasi esclusivamente dalle persone più anziane, Gaggianesi parla invece proprio dei problemi più contemporanei di Milano: tra i temi toccati nei suoi due libri, Quand finìssen i semafor (premio Tirinnanzi Poesia) e Qohèlet rejected (premio Testori), infatti, vi sono slot machine, hikikomori meneghini, rider che parlano milanès, stagisti sottopagati e amori in chat. "Il gioco - spiega l'attore - è creare un corto circuito tra una forma espressiva agonizzante e la realtà vitale ed esplosiva della nostra metropoli".

"Le mie due anime artistiche - continua il giovane poeta -, il teatro e la poesia dialettale milanese, a un certo punto si sono intrecciate in una forma particolare: ho creato uno spettacolo in cui interpreto e recito le mie poesie accompagnandole con la chitarra". Una lingua sconosciuta ai più, in questo modo, diventa piacevolmente comprensibile e arriva a narrare, in una forma inedita o con un distacco che oggettivizza lo sguardo, i problemi che assediano la nostra quotidianità. Punto di svolta, per Daniele, aka poeta milanese contemporaneo, è stato il periodo della pandemia, quando, nell'impossibilità di recitare a teatro, si è trovato a organizzare esibizioni in casa per un pubblico molto contenuto (è possibile prenotare una performance a domicilio scrivendogli al suo profilo Instagram).

"Un vero e proprio target non c'è - continua Daniele - perché il milanese non lo capisce quasi più nessuno. Ma le mie poesie si rivolgono a tutti, per questo quando porto in giro il mio spettacolo, interrompo i pezzi, li traduco in diretta, osservo il pubblico e quando lo vedo storcere il naso mi fermo e spiego in italiano". Per comporre le sue poesie Gaggianesi si ispira a poeti come Carlo Porta e, soprattutto, Delio Tessa, ma anche a musicisti quali Enzo Jannacci, Giorgio Gaber e, ancora di più, Walter Valdi.

"Credo che la curiosità sia uno dei più grandi motori dell'essere umano - continua il poeta -, per questo a un ragazzo direi di non spaventarsi nel vedere una lingua sconosciuta: ci sono delle ottime traduzioni che permettono di comprendere testi molto belli. Credo che in un mondo in cui la lingua è sempre più martoriata, appiattita e ridotta a slogan, la poesia consenta di raccontare al meglio la complessità della vita e della nostra società. La poesia è un'educazione alla complessità e alle sfumature, tanto più se in lingue poco usate. Perché ogni idioma ha il proprio ricco tesoro di peculiarità intraducibili".

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Il poeta che parla della Milano di oggi in dialetto - Episodio 3 di Mest(ieri)

MilanoToday è in caricamento