Maxi vetrate, laboratori e una piscina: ecco "La città della fragilità" nelle "Ex Docce" di Milano

Nella giornata di martedì 12 novembre è stato inaugurato il cantiere della struttura

Un rendering del progetto (foto Comune Milano)

Le ex docce comunali di via Livigno a Milano si trasformano e diventano “La città della fragilità”, un centro di eccellenza e polo di riferimento per la disabilità. E nella giornata di martedì 12 novembre è stato inaugurato il cantiere per la ricostruzione dell’immobile che la Fondazione Together To Go Onlus (Tog), attraverso un bando, ha ottenuto in concessione dal comune di Milano per trent’anni.

Come cambierà l'edificio

Realizzato nel 1960 per ospitare un comparto di docce pubbliche, lo stabile all’angolo tra via Livigno e viale Jenner è inutilizzato dal 2010. Il progetto architettonico prevede la demolizione e ricostruzione dell’edificio che, pur conservando l’attuale impronta, avrà un piano in più e aggiungerà una nuova ala simmetrica al lato corto di viale Jenner. La conclusione dei lavori è previsa per la primavera del 2021.

Nel nuovo edificio ecosostenibile, a vetrate, che avrà una superficie di 3.500 metri quadrati, verranno trasferite tutte le attività del centro della Fondazione TOG, che attualmente opera in zona Famagosta, ampliando gli spazi a disposizione e potenziando i servizi per i piccoli pazienti (oggi sono circa 120), per le loro famiglie e per la formazione del personale. Le novità saranno tante: dall’ambulatorio con medici specializzati alla piscina per idroterapia, dai doposcuola BES ai corsi di formazione, dallo spazio fab-lab alla caffetteria. Servizi dedicati dunque anche a tutto il quartiere.

Nel progetto sono previsti anche laboratori per l’acquisizione e il perfezionamento di abilità professionali dei ragazzi – utili all’inserimento lavorativo, con l’obiettivo di proseguire il percorso con loro anche oltre le scuole medie – e un polo informativo per la specializzazione di operatori clinici ed educativi nel campo della disabilità e della fragilità educativa.

La fondazione Tog

La Fondazione Tog, nasce nel 2011 a Milano dove fonda un centro di eccellenza per la riabilitazione di bambini e ragazzi affetti da patologie neurologiche complesse, in particolare paralisi cerebrale infantile e sindromi genetiche con ritardo mentale.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

“Il lavoro di TOG è un investimento sul futuro attraverso un investimento sul presente – commenta la vicesindaco Anna Scavuzzo –. Non possiamo dunque che essere orgogliosi che uno spazio da troppo tempo inutilizzato riprenda ora vita con un progetto come questo, dedicato a chi ha più bisogno di cure e attenzioni, ma anche aperto a tutto il territorio. In questa occasione voglio ringraziare a nome di tutta l’Amministrazione la Fondazione TOG per l’impegno e la dedizione quotidiani che già oggi offre gratuitamente a tanti bambini e famiglie”.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Bollettino contagi 30 maggio 2020: morti senza fine, ancora 67 persone. Contagi stabili

  • Bollettino Coronavirus in Lombardia e a Milano: continuano a salire i contagi +382

  • Bollettino Coronavirus in Lombardia: 38 morti e +354 positivi, il 70% dei nuovi casi in Italia

  • Bollettino e aggiornamento contagi Lombardia: risalgono morti e i contagi, +216 nuovi positivi

  • Coronavirus, "in Lombardia magheggi sui numeri per riaprire". Il Pirellone: "Non è vero". E querela

  • Riapertura Lombardia 3 giugno 2020, gli scienziati scettici: "Troppo rischioso"

Torna su
MilanoToday è in caricamento