rotate-mobile
Attualità Baggio / Via Ferruccio Parri

Prolungamento metro rossa, ecco i soldi: quali sono le nuove fermate e quando iniziano i lavori

Dal governo arrivati 233 milioni: 145 serviranno per prolungare la M1. Tutto sul progetto

Ci sono i soldi, finalmente. Ci sono anche il progetto e una prima idea di cronoprogramma. Prende sempre più forma il prolungamento della metropolitana M1 verso il quartiere Baggio. Da Roma "sono arrivati i finanziamenti per il prolungamento fino a Baggio della metropolitana M1 e per la realizzazione della metrotranvia Milano Limbiate, integrazione che aspettavamo insieme ai sindaci da molti mesi", ha annunciato venerdì mattina l'assessore alla mobilità di palazzo Marino, Arianna Censi. 

Dei fondi totali, 145 milioni sono destinati ad allungare la M1, mentre altri 88 milioni e 435mila euro saranno destinati alla riqualificazione della metrotranvia Milano-Limbiate. Risorse a cui si aggiungo 47 milioni e 668mila euro per l'ampliamento del deposito Gallaratese per i treni della M1. Il costo del prolungamento è di 543 milioni. La linea crescerà con tre nuove fermate e oltre tre chilometri di binari in più. La M1, dall'attuale capolinea di Bisceglie, correrà verso ovest con le nuove stazione di Parri, Baggio e Olmi. "Penso che i lavori inizieranno a fine 2024, inizio 2025", ha ipotizzato la Censi. I lavori in quel caso dovrebbero durare poco più di cinque anni. Per la metro rossa è anche già stato approvato, nel 2021, il progetto definitivo. 

Annunciando il via libera, palazzo Marino aveva sottolineato che "l'amministrazione comunale considera imprescindibile che, al termine di cantieri così impattanti, le aree interessate dai lavori vengano restituite ai quartieri più belle e fruibili, con aree gioco, nuovo verde e spazi più ampi per il passaggio di biciclette e dei pedoni". Lo stesso comune ha sempre considerato la crescita della M1 uno degli investimenti per la mobilità "più strategici per Milano e il suo hinterland".

Come sarà la M1 dopo il prolungamento

Capitolo metrotranvia. L'investimento totale è di 179 milioni di euro. L'opera era finanziata con risorse dello Stato per un totale di 102 milioni e 840 mila euro e dagli enti sottoscrittori dell'accordo per 45 milioni e 384 mila euro. Il cantiere prevedeva degli extracosti per quasi 30 milioni e proprio la mancanza di questi fondi ha impedito di bandire una gara entro giugno facendo così perdere finanziamenti per circa 59 milioni. Gli 88 milioni che arrivano ora a Milano serviranno a coprire i quasi 30 milioni mancanti e quelli persi. I lavori dovrebbero durare circa tre anni e mezzo. 

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Prolungamento metro rossa, ecco i soldi: quali sono le nuove fermate e quando iniziano i lavori

MilanoToday è in caricamento