rotate-mobile
Sabato, 22 Giugno 2024
Attualità

La M2 verde diventa più lunga: ecco la nuova "metro leggera" di Milano

Via libera per approfondire il progetto di fattibilità sul prolungamento della M2

Una metropolitana "leggera". Un collegamento moderno, su rotaia, che permetterà di unire Cologno Monzese, capolinea della metro verde di Milano, la M2, con la Brianza. È stato definito l’accordo tra comune di Milano, regione Lombardia, città metropolitana di Milano, provincia di Monza e Brianza e i comuni di Cologno Monzese, Brugherio, Carugate, Agrate Brianza, Concorezzo e Vimercate per il finanziamento dell'approfondimento del progetto di fattibilità tecnica ed economica per il prolungamento della linea metropolitana che "avvicinerà" Cologno a Vimercate. 

Diverse le ipotesi allo studio contenute nel progetto presentato nel settembre del 2019 da Mm Spa e rivisto più volte nel corso di numerosi incontri tecnici fino allo scorso maggio. Adesso però la soluzione individuata è stata quella della metropolitana: "Una linea leggera in grado di mantenere le caratteristiche della metropolitana classica, la Light Rail Progect", hanno spiegato in una nota dal comune di Milano.

Dal capolinea di Cologno Nord alla Brianza

Dall’attuale capolinea della metropolitana di Milano M2 Cologno Nord, "questa moderna e leggera ‘spina dorsale’ su rotaia potrà collegare la zona nord-est della città Metropolitana di Milano con i comuni di Brugherio, Carugate, Agrate Brianza, Concorezzo e Vimercate per rispondere al bisogno di mobilità del territorio", hanno sottolineato da palazzo Marino.

L’approfondimento di progetto affidato a Mm ha un costo stimato  di 174.400 euro e dovrà definire gli standard infrastrutturali del sistema, effettuare un’analisi planoaltimetrica del tracciato, verificare le principali interferenze ed eventuali vincoli attuali e futuri, valutare il deposito rotabili e approfondire il nodo di Cologno Nord M2 per esaminare tutti i possibili scenari. "Lo studio sarà inoltre corredato di verifiche in merito all’incidenza delle alternative di tracciato e delle fermate", hanno chiarito ancora dal comune, spiegando che l’analisi della soluzione individuata per il prolungamento della linea verde verso il nord est del capoluogo meneghino sarà cofinanziata tra regione Lombardia, comune di Milano e i comuni di Brugherio, Carugate, Agrate Brianza, Concorezzo e Vimercate.

"All'analisi, che dovrà definire bene e superare alcune criticità del percorso per renderlo il più efficiente ed efficace possibile, seguirà il completamento del Pfte, il progetto di fattibilità tecnico-economica, importantissimo - hanno concluso da palazzo Marino - per recuperare le risorse necessarie alla realizzazione dell'opera".
 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

La M2 verde diventa più lunga: ecco la nuova "metro leggera" di Milano

MilanoToday è in caricamento