Il loro asilo è sotto sfratto: i piccoli alunni scendono in piazza e chiedono più diritti

La protesta dei piccoli alunni della Locomotiva di Momo. Le immagini del flash mob

Il flash mob

Hanno chiesto i loro diritti, anzi un solo diritto: quello di continuare ad andare nella scuola che amano. Poi, com'è giusto per i cittadini della loro età, hanno ballato, cantato e giocato. 

È stato un grande successo il flash mob "Bambini chiamano diritti, Milano risponde" organizzato sabato mattina dalla "Locomotiva di Momo", storico nido e scuola d’infanzia che rischia la chiusura in seguito a una sentenza della Corte d’Appello che equipara l'istituto ad una scuola di musica, canto e ballo. Proprio quella sentenza ha di fatto messo a rischio il futuro di "Momo", perché il regolamento del condominio di via Anfossi 36, che ospita il nido, vieta espressamente scuole di musica all'interno della propria struttura. 

All'appuntamento, che si è tenuto sabato mattina in Largo Marinai d'Italia, hanno preso parte anche volti del comune di Milano: da Laura Galimberti, assessore all’educazione e istruzione a Pierfrancesco Majorino, assessore alle politiche sociali, passando per Paolo Guido Bassi, presidente del sonsiglio Zona 4, e i consiglieri Carlo Monguzzi, Alice Arienta, Diana De Marchi, Anita Pirovano, Paolo Limonta, Matteo Forte e Pietro Tatarella.

L'asilo sotto sfratto perché paragonato a una scuola di musica

La prima a prendere la parola è stata Cinzia d'Alessandro, "mamma" della "Locomotiva di Momo": “Si ama ciò che si può conoscere e ci si prende cura di ciò che si ama, quindi - ha detto - sta a noi adulti far conoscere ai bambini i loro diritti di piccoli cittadini, perché li amino e ne abbiano cura per tutta la vita”. “Il benessere dei bambini è una priorità, se vogliamo che i nostri bambini siano felici devono poterlo esserlo dappertutto in città", le ha fatto eco Paolo Limonta. Importanti anche le parole di Majorino, che ha ringraziato "Momo" e ha sottolineato - con forza - che il nido deve restare esattamente dov'è. 

Tanti, tantissimi i piccoli che sono scesi in piazza con cartelli e striscioni per chiedere il diritto di restare a "casa" loro. I bimbi, dopo un mini sit in, hanno ballato sulle note del rapper e insegnante Long John Argentovivo, John Wilson - "Benvenuti a Milagno" e sulla canzone di Federica Braga, "Il treno di Momo". Poi è stata la volta della caccia al tesoro e delle letterine per il sindaco Sala. 

I bimbi, penne alla mano, hanno completato la frase: "Caro Sindaco noi bambini amiamo Milano, il nostro desiderio è che...". Il desiderio di tutti, di sicuro, è di non fermare la corsa della "Locomotiva di Momo". 

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

protesta bimbi asilo momo 1-2

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Milano, passante insegue un rapinatore in metro e con un pugno lo riduce in coma

  • Incidente a Milano, scontro tra monopattino e auto: cade e sfonda il parabrezza, uomo in coma

  • Milano, paura sul tram: minaccia i passeggeri con un coltello, aveva anche cinque forbici

  • Milano, esplosione in piazzale Libia: è uno chef de rang il 30enne intubato al Niguarda

  • Milano, esplosione in un palazzo di piazzale Libia: crolli nelle case e feriti. Grave un 30enne

  • Follia sul bus Atm, "sgridato" per la bici a bordo: sfonda il vetro e aggredisce l'autista

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
MilanoToday è in caricamento