Sabato, 16 Ottobre 2021
Attualità Piazza Duomo

Scarpe, coperte termiche e remi sull'asfalto: Milano in piazza contro il blocco dei soccorsi

Protesta in centro. Esposto lo striscione: "Vietato soccorrere? Liberiamo la flotta civile"

Dal Mediterraneo a Milano. Dall'acqua all'asfalto del centro città. Per chiedere solidarietà, umanità, per pretendere che nessuno resti solo. Protesta sabato pomeriggio tra piazza Mercanti e il Duomo a Milano, dove si sono ritrovati attivisti dei centri sociali e delle associazioni umanitarie per protestare contro il blocco dei soccorsi in mare con le navi delle Ong costrette a restare ferme.

La mobilitazione, avvenuta in diverse piazze d'Italia, era stata annunciata dalle Ong Mediterranea, SeaWatch, Open Arms e da medici senza frontiere proprio nel giorno dell'anniversario della tragedia di Lampedusa del 2017, quando in mare persero la vita 368 persone nel naufragio di un barcone. "Le 200 persone, donne, uomini e bambini, che hanno perso la vita annegando in mare secondo l’ultimo rapporto di Alarm Phone sono la terribile dimostrazione che nel Mediterraneo Centrale si continua a morire, nella totale indifferenza di governi e istituzioni - si legge nella nota congiunta -. Nella stessa settimana, sono emerse le proposte del nuovo Decreto sull’Immigrazione in Italia e del nuovo Patto europeo sulla migrazione, che non ha fatto alcun passo verso gli obblighi del soccorso in mare, sottoscrivendo invece la strategia italiana del blocco delle navi della società civile".

Così a Milano un primo momento di protesta è andato in scena proprio sotto la Cattedrale, dove è stato esposto lo striscione: "Vietato soccorrere? Liberiamo la flotta civile". Poi i manifestanti si sono spostati verso piazza Mercanti lasciando a terra brandelli di coperte termiche, un paio di remi e delle scarpe, segni inequivocabili delle strage in mare. 

"Il 3 Ottobre 2017, davanti alle coste italiane, 368 persone venivano strappate alla vita. Un lutto doloroso che ci ricorda quanto ancora poco valore abbiano le vite di coloro che attraversano il Mediterraneo, costrette ad attraversarlo via mare, in maniera pericolosa, da un'Europa Fortezza che nega visti e vie di accesso sicure - hanno spiegato i manifestanti -. Insieme agli equipaggi di terra sparsi sul territorio nazionale oggi chiediamo che la Flotta Civile venga lasciata soccorrere in mare. Non si può continuare a criminalizzare la solidarietà, non potete - hanno concluso - renderci tutti complici di questo crimine contro l'umanità perché il soccorso in mare e un dovere e non un crimine". 

Foto - La protesta in Duomo

protesta duomo soccorsi-2

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Scarpe, coperte termiche e remi sull'asfalto: Milano in piazza contro il blocco dei soccorsi

MilanoToday è in caricamento