Milano, la protesta dei taxi: il lungo corteo di auto in centro tra clacson e disagi al traffico

Ad essere contestate le nuove misure anti coronavirus

Protesta dei taxi (screenshot da Fb/Carla Spagnoli)

Circa un centinaio di taxi incolonnati per dire no alle nuove norme anti covid. È la protesta dei tassisti andata in scena a Milano martedì.

Le auto bianche sono partite da stazione Centrale per arrivare in centro, fino a piazza della Scala. La manifestazione si aggiunge alle tante che si sono già svolte in maniera pacifica o meno - come quella di lunedì che ha visto un'esplosione di rabbia tra molotov e assalti - dopo l'uscita dell'ultimo Dpcm.

Il 27 ottobre i tassisti, in un lungo corteo, hanno attraversato il centro città suonando il clacson per esprimere il proprio dissenso. L'iniziativa, ovviamente, ha causato diversi problemi al traffico. A chiedere misure diverse da quelle adottate dal governo lunedì erano stati i ristoratori milanesi, mentre domenica dopo l'annuncio della chiusura di cinema e teatri un presidio pacifico si era svolto anche davanti al Piccolo.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Covid, Lombardia verso entrata in 'zona arancione' da venerdì: cosa cambia

  • Milano, spacca vetrata all'Esselunga e cerca di rubare i soldi dalle casse: preso

  • Incendio a Cologno, fiamme ed esplosioni nel condominio: casa distrutta, palazzo evacuato

  • Bresso (Milano), due agenti della polizia locale accoltellati: uno è grave

  • Coronavirus, dal 27 novembre la Lombardia vuole diventare zona arancione. Cosa cambia

  • Violenza sessuale a Milano, ragazza stuprata dal cugino del padre: "Se parli ti taglio la testa"

Torna su
MilanoToday è in caricamento