Attualità Ortomercato / Via Varsavia

Finisce in Regione Lombardia la protesta contro il prolungamento della Paullese a Milano

L'interrogazione promossa da Di Marco dei 5 Stelle

Finisce in Regione Lombardia la questione del prolungamento della Paullese nella città di Milano, realizzando l'ultimo chilometro necessario a collegare l'attuale sbocco sulla Tangenziale Est fino a via Sulmona e via Varsavia passando per Cascina Merezzate. Un progetto che costerebbe venti milioni di euro, anche per realizzare una galleria di 400 metri, di cui si parla fin dal 2004 ed ora in discussione con la contrarietà generale degli abitanti del quartiere e del Municipio 4. 

Il prolungamento è ora stato oggetto di una interrogazione presentata dal consigliere regionale del Movimento 5 Stelle Nicola Di Marco alla giunta. «E' troppo vicino alle aree residenziali: l'ingente traffico che vi passerebbe potrebbe causare un'impennata dell'inquinamento acustico e delle polveri sottili», spiega Di Marco. «Anche la vicina via Salomone, già percorsa da traffico merci pesante, ne risulterebbe ulteriormente intasata. Per non parlare poi della prossimità del tracciato alla scuola di infanzia Sordello: non è questo il contesto in cui vogliamo vedere i bambini. Il denaro potrebbe essere invece investito nel trasporto pubblico dell'hinterland», conclude.

Il Movimento 5 Stelle del Municipio 4, con Elena Sironi, aveva presentato osservazioni alla variante del Pii (Piano d'intervento integrato) Santa Giulia - Rogoredo per chiedere lo stralcio dell'opera. Ed ora la richiesta alla giunta regionale affinché intervenga presso il Comune di Milano per verificare soluzioni alternative. In questi mesi le proteste sono state condotte soprattutto dal comitato Ungheria Bonfadini Sordello Salomone; tra gli altri vi ha partecipato Simone Sollazzo, candidato sindaco con la lista Milano Concreta.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Finisce in Regione Lombardia la protesta contro il prolungamento della Paullese a Milano

MilanoToday è in caricamento