Attualità

La raccolta fondi lanciata dai genitori del piccolo Tommy, scomparso per la leucemia

Tommaso, che aveva appena 11 mesi, di Abbiategrasso, si è spento settimana scorsa al San Gerardo di Monza

Una raccolta fondi a favore del Comitato Maria Letizia Verga affinché quello che è successo al piccolo Tommaso non capiti ad altri bambini, e altri genitori non debbano vivere il dolore straziante che adesso stanno vivendo la mamma e il papà del piccino. Tommaso aveva da poco compiuto 11 mesi: settimana scorsa una leucemia mielode acuta lo ha portato via all’affetto dei suoi cari nel giro di 18 ore. Una storia carica di dolore quella del bambino, originario di Abbiategrasso, che settimana scorsa si è spento in pochissime ore all’ospedale San Gerardo di Monza.

"Tommaso era solare: i medici hanno fatto l'impossibile"

“I medici hanno fatto di tutto per salvarlo – racconta la mamma Erika Librio a MonzaToday -. Tommaso conquistava l’amore di tutti quelli che lo circondavano. Era sempre felice e sorridente, anche con chi non conosceva”. Tommaso, figlio unico, aveva portato una grandissima gioia nella vita della famiglia. Un bambino sano, vivace, allegro. Fino a quella maledetta mattina del 6 aprile, giorno di Pasquetta, quando mamma e papà si sono accorti che qualcosa non andava.

I primi segnali della malattia

“Tommaso aveva un po’ di febbre – ricorda Erika -. E anche un po’ di torcicollo. Pensavo avesse preso un colpo d’aria: il giorno prima c’era vento”. Immediata la telefonata alla pediatra che gli ha prescritto alcuni esami. La corsa all’ospedale di Magenta, poi il trasferimento immediato all’oncoematologia pediatrica dell’ospedale di Monza. Lì purtroppo, esami ematologici alla mano, è arrivata la terribile diagnosi: il piccolino aveva la  leucemia mieloide acuta. “La forma più aggressiva che potesse colpirlo – prosegue la mamma -. I medici hanno fatto l’impossibile, ma purtroppo per Tommaso non c’era più nulla da fare”. Il piccolino si è spento in poche ore, facendo sprofondare la mamma, il papà, i nonni e tutti i parenti nel più completo sconforto. Un destino e un dolore che non ha lasciato indifferenti neppure i medici e gli infermieri del reparto monzese che fin da subito si sono stretti attorno alla giovane coppia.

"Mi sono sentita impotente"

“In quel momento mi sono sentita impotente, ma anche protetta e sostenuta dalla vicinanza di medici e infermieri del reparto – racconta Erika -. Sono stati meravigliosi, ci hanno dimostrato una sensibilità non scontata in certi momenti. Una delicatezza nell’annunciarci la diagnosi. Un grazie anche al professor Andrea Biondi che è stato al nostro fianco”. Da qui la decisione di Erika di non dimenticare quegli angeli che hanno fatto di tutto per salvare il suo Tommaso.

Una raccolta fondi a favore del Comitato Verga

Erika ha così deciso di promuovere una raccolta fondi sulla piattaforma gofundme: quanto raccolto verrà destinato al Comitato Maria Letizia Verga.  “Proprio perché ciò che è successo a noi e a Tommy non dovrà capitare mai più - prosegue - abbiamo pensato di creare una raccolta fondi cosicché la ricerca possa andare avanti e le famiglie possano essere supportate come lo siamo stati noi. Donate così che la morte di Tommaso non sia stata vana!”, conclude la mamma del piccolo. Nel giro di pochi giorni sono già stati raccolti oltre 2.500 euro (qui il link per donare). “Questa adesso è diventata la mia missione di vita – conclude -. Questa iniziativa allevia un po’ il mio profondo dolore”.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

La raccolta fondi lanciata dai genitori del piccolo Tommy, scomparso per la leucemia

MilanoToday è in caricamento