Giovedì, 21 Ottobre 2021
Attualità Gorla / Viale Monza

Come verrà riqualificata viale Monza

Al via il processo che rinnoverà le case popolari di Gorla

Il quartiere Gorla si rinnova. Parte il processo di riqualificazione delle case popolari di viale Monza. Un progetto cambiertà la zona adiacente a Villa Filzi.

Il piano, spiegano da Palazzo Marino, che di recente ha ottenuto un finanziamento del Cipe (Comitato interministeriale per la programmazione economica) attraverso bando pubblico, ha l’obiettivo di integrare i servizi pubblici per la casa e il più ampio sistema di welfare territoriale.

In parallelo, ad essere riqualificato sarà anche il quartiere di  Corvetto, tra lo scalo di Porta Romana e Rogoredo-Santa Giulia. Per i due progetti gemelli, denominati ‘Sant’Erlembaldo-Villa Finzi Remix’ e ‘Corvetto Universal city’, sono stati stanziati 28 milioni di euro (oltre 13,8 milioni di euro ciascuno). E il Comune parteciperà con un cofinanziamento massimo in conto capitale di 9,4 milioni per l’intervento relativo a Corvetto e di 7,5 milioni per quello di Gorla.

Il progetto, tra social housing e affitti agevolati

In particolare, in viale Monza 142, il complesso Erp tornerà a nuova vita con un totale di 19 alloggi, un progetto sperimentale di social housing. Nel fabbricato verrà realizzata un'integrazione tra residenza, servizi condivisi e funzioni di quartiere coniugando il tema dell’alloggio sociale con quello della qualità urbana ed edilizia. Accanto alla dotazione Sap (Servizi abitativi pubblici), sono previsti anche alloggi a canone agevolato ed altri, in quota minoritaria, da affittare con un Patto di futura vendita. 

La ristrutturazione dell’immobile dovrà avere caratteristiche edilizie di alta sostenibilità, garantendone l’efficientamento energetico, la messa in sicurezza delle componenti strutturali e il superamento delle barriere architettoniche per una fruizione universale. Il progetto generale prevede anche la completa riqualificazione di un altro complesso di case popolari, quello di via Sant’Erlembaldo 2: qui i locali della portineria verranno riattivati grazie alle risorse di Pon Metro ed è prevista anche la riqualificazione dello spazio esterno di pertinenza, compresi i tre padiglioni adibiti a servizi (Teatro del Sole, Teatro Officina, Servizi Minori).

Come cambia il quartiere

Molti gli interventi previsti nella zona circostante: il recupero della Casetta del custode, del piano interrato del padiglione Negri Pini nel parco di Villa Finzi; il potenziamento del sistema di accessi al complesso Erp di via Sant’Erlembaldo e attraverso il parco, collegando quest’ultimo con la pista ciclabile lungo il Naviglio della Martesana, via Bechi e vie limitrofe; l’attivazione di nuovi servizi di accompagnamento e aggregazione sociale, soprattutto per le persone più vulnerabili, per la valorizzazione del parco; infine, la riprogettazione del mercato di via Gorla che, insieme a quelle commerciali, dovrà ospitare anche attività commerciali e sociali a favore di tutti gli abitanti del quartiere.

Sempre in tema di riqualificazione dei contesti di edilizia popolare, l’Amministrazione comunale ha anche acquisito il progetto di recupero e sistemazione dello spazio pubblico compreso tra i caseggiati delle vie Cesana, Tarabella e Palmanova. Sono previsti spazi di intrattenimento per anziani, pavimentazioni e recinzioni nuove, il rifacimento del sistema di illuminazione, maggiore cura del verde, un’area pensata per feste e incontri, attrezzata anche per essere utilizzata dai bambini. Interventi 'leggeri' e creativi che riqualificheranno e valorizzeranno l’area interna, in modo da renderla fruibile dagli inquilini e anche dagli abitanti della zona, migliorandone la qualità della vita.

Il progetto, denominato 'Ripensare lo spazio comune. Via Palmanova 57-Milano', è firmato dalla società Lombardini 22 spa, gruppo con sede a Milano che accoglie collaboratori specializzati in discipline complementari per la progettazione integrata, ovvero che coinvolge tutti gli aspetti inerenti le trasformazioni urbane, ed è stato donato all’amministrazione. Con una delibera la donazione è stata accettata ed ora l’acquisizione costituirà la base per la scelta del percorso migliore per la realizzazione del progetto, che sia una gara pubblica o l’individuazione di uno sponsor.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Come verrà riqualificata viale Monza

MilanoToday è in caricamento