rotate-mobile
Mercoledì, 24 Aprile 2024
Il rito / Duomo / Piazza del Duomo

Che cos'è il rito del faro che si svolge sabato in Duomo

La cerimonia in occasione delle celebrazioni per Santa Tecla

Sabato 23 settembre, nel Duomo di Milano, si svolgerà il 'Rito del Faro'. Si tratta di un rito tra i più suggestivi della liturgia ambrosiana, ma non molto conosciuto. Eppure si replica ogni anno (l'appuntamento, quest'anno, è alle 17.30).

Di che cosa si tratta? Il 23 settembre è il giorno dedicato a Santa Tecla, discepola di San Paolo e patrona della parrocchia della cattedrale di Milano. Era infatti intitolata a Santa Tecla l'antichissima 'basilica maior' d'era paleocristiana che si trovava di fronte alla posizione dove ora sorge il Duomo (e dove si trovava un'altra basilica paleocristiana, la 'basilica minor' o di Santa Maria Maggiore).

Il giorno di Santa Tecla, dunque, in Duomo viene rievocato un rito molto antico, che risale al settimo secolo, quando, durante le celebrazioni più importanti, si accendeva un 'pharus', cioè un lampadario con lumi disposti a corona, sopra ai quali era posto un anello di bambagia che, bruciando, trasmetteva il fuoco alle singole lampade, simboleggiando il trionfo e la gloria dei martiri. Il rito allude al sacrificio della vita da parte della martire Tecla, il cui culto a Milano è molto importante fin dai tempi di Sant'Ambrogio ("Maria vi insegni una regola di vita, Tecla vi sia maestra nel sacrificio", scriveva il patrono di Milano nel 'De Virginibus').

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Che cos'è il rito del faro che si svolge sabato in Duomo

MilanoToday è in caricamento