Salvini alla festa della curva Sud: saluto col capo ultrà condannato per droga, è polemica

Matteo Salvini ha presenziato domenica alla festa per i 50 anni della Sud. Ed è polemica

Salvini e Lucci insieme - Foto Bazzi/Ansa

Un'accoglienza quasi da star, con uno dei volti più noti e carismatici del tifo rossonero, a fargli da guida. Poi, di sicuro l'immagine che più ha fatto discutere, una stretta di mano che tradiva una certa confidenza con un'altra delle "facce note" di quel mondo. 

È polemica politica, e non solo, sulla visita del ministro dell'Interno, Matteo Salvini, alla festa della curva Sud del Milan, che domenica ha celebrato i proprio cinquanta anni di vita all'Arena Civica. 

Video | Torce e "bombe": che spettacolo la festa della Sud

Nel pomeriggio all'appuntamento si è presentato anche il vicepremier - milanista da sempre - che è stato accolto dal "Barone", uno dei più conosciuti ultrà milanisti. Poco dopo, lo stesso Salvini ha incontrato Luca Lucci, nuova guida del tifo rossonero che pochi mesi fa ha patteggiato una pena di un anno e mezzo di carcere per droga. A giugno lo stesso Lucci era stato infatti arrestato dalla polizia: secondo l'accusa, il capo ultrà riceveva direttamente "Al Clan" - sede della curva Sud a Sesto San Giovanni - la droga da spacciare

Salvini e Lucci si sono intrattenuti insieme al centro del campo e si sono salutati con una stretta di mano, che è stata subito immortalata dai fotografi. 

Foto da Fb Different People - Salvini e il Barone

salvini barone - foto different people style-2

"Io stesso sono indagato. Sono un indagato in mezzo ad altri indagati", ha commentato il leader della Lega. Lui stesso ha poi aggiunto: "Io sono per il tifo corretto, colorato e colorito. Episodi di violenza non mi appartengono e non appartengono a nessuno sportivo. Questi tifosi sono persone perbene, pacifiche, tranquille. Loro portano colore con un coro, un tamburo, una bandiera. La violenza è un'altra cosa".

Quella stretta di mano, però, non è sfuggita ai politici che stanno dall'altra parte. "Andando a fare il tifoso tra gli ultras, Salvini oggi si dimostra ancora una volta non un uomo delle istituzioni ma un uomo di parte", l'attacco di Nico Stumpo, deputato di Liberi e Uguali. "Quello del tifoso è il suo modello. Per di più si definisce indagato tra gli indagati, dimenticando che magari tra loro c'è chi ha commesso violenze contro gli agenti delle forze dell'ordine". 

"È gravissimo - le parole di Franco Mirabelli, vicepresidente dei senatori del pd - che il ministro dell'Interno sottovaluti in modo così clamoroso le indagini della magistratura su alcuni ultrà del Milan e arrivi a scherzarci sopra. Le indagini riguardano reati gravi e si parla di rapporti con la 'Ndrangheta. Ciò che Salvini dovrebbe combattere invece di fraternizzare con gli indagati".

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Milano, militare pugnalato alla gola in Stazione Centrale da un passante che urla "Allah akbar"

  • Milano, tenta di incassare il gratta e vinci rubato: beccato, in casa ne aveva altri 600

  • Milano, fumo nero e puzza di bruciato da Spontini in via Marghera: arrivano i pompieri

  • Sciopero venerdì 27 setttembre, a Milano si fermano per 24 ore i mezzi Atm: orari di metro

  • Esplosione nella fabbrica di cannabis light: fiamme alte 10 metri, feriti padre e due figli

  • "Ritrovo di pregiudicati", la questura chiude tre bar di zona Certosa

Torna su
MilanoToday è in caricamento