rotate-mobile
Attualità

Sciopero all'ex Sarinox di Basiano: i lavoratori si fermano per salvare l'azienda

Nella Sarinox in fallimento nel novembre 2020 Stailnless Steel Center (Ssc) affittò un ramo d'azienda e subentrò

Un passaggio di proprietà che si sta complicando per le garanzie ritenute insufficienti dal curatore dell'azienda fallita. E i lavoratori mercoledì scioperano a sostegno dell'azienda che vuole subentrare. È quanto succede all'ex Sarinox di Basiano, nel milanese, azienda metalmeccanica che "nonostante ordini e commesse- dice la Fiom-Cgil- rischia la chiusura".

Nella Sarinox in fallimento nel novembre 2020 Stailnless Steel Center (Ssc) affittò un ramo d'azienda e subentrò. Ssc, che occupa 42 lavoratori, "non ha problemi di ordini e commesse", spiega la Fiom, mentre altri 20 lavoratori, ancora dipendenti Sarinox, sono in cassa integrazione. Il 28 febbraio scadono i tempi dell'affitto e in quella data Ssc dovrebbe diventare proprietaria dell'azienda dando così un futuro certo ai 42 dipendenti e una possibilità di assunzione ai 20 in cassa integrazione. Ma secondo il curatore fallimentare Sarinox, per i creditori le garanzie fornite da Ssc non sarebbero sufficienti.

"Se l'operazione non dovesse andare in porto- sottolinea la Fiom l'azienda chiuderebbe definitivamente ed i lavoratori verrebbero tutti licenziati. Ssc ha già dichiarato la propria disponibilità a fornire ulteriori garanzie, ma per questo ha bisogno di circa un mese di tempo. L'obiettivo nostro e dei lavoratori è che l'acquisizione si conclusa positivamente, per questo è necessaria una proroga nei tempi dell'operazione". A sostegno di questa richiesta domani, mercoledì 23 febbraio, i lavoratori scioperano e manifestano dalle 9 alle 11 in via Alfieri 13 a Basiano.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Sciopero all'ex Sarinox di Basiano: i lavoratori si fermano per salvare l'azienda

MilanoToday è in caricamento