Sabato, 16 Ottobre 2021
Attualità

Dai farmers' market di New York all'Italia: a Milano arriva lo yogurt all'islandese

Il prodotto è stato presentato al Palazzo delle Stelline direttamente dal suo ideatore, l'islandese Siggi Hilmarsson

In occasione di NutriMi – XIII Forum di Nutrizione Pratica, al Palazzo delle Stelline di Milano l'11 aprile è stato presentato Siggi's, lo yogurt all'islandese fino ad ora in vendita solo negli Stati Uniti e in Canada e da ora disponibile anche sul mercato italiano. Ad introdurre questo particolare prodotto è stato direttamente il suo ideatore, Siggi Hilmarsson.

Una lista di ingredienti brevissima, più latte e meno grassi e zuccheri. Questa la ricetta dello yogurt, che si presenta con una confezione dal design pulito e casalingo e si ispira alla tradizione dello skyr, specialità della cucina islandese.

Siggi's, marchio acquistato dal Gruppo Lactalis nel 2018, è presente da anni sul mercato americano ed è stato introdotto recentemente in Canada, Francia, Gran Bretagna e Australia. Già in vendita nei punti vendita Esselunga e Conad di Milano, in Italia lo yogurt sarà presente in tre gusti: bianco, vaniglia e lampone.

La storia di Siggi's

Originario dell'Islanda, Siggi Hilmarsson, dopo aver studiato economia negli Stati Uniti ha iniziato a lavorare come consulente a Wall Street. "Ma il mio lavoro non mi piaceva ed ero davvero un pessimo consulente. Forse sull'orlo del licenziamento. È così che ho iniziato a fare yogurt nel mio appartamento di Manhattan", racconta il creatore del marchio di yogurt. 

Ispirandosi alla tradizione della propria terra, Hilmarsson ha iniziato a preparare skyr nel 2006 con l'idea di ottenere un prodotto sano e diverso da quelli in vendita in America, sempre eccessivamente ricchi di zuccheri. Dopo alcuni tentativi fallimentari, è arrivato il primo risultato: uno yogurt saporito, denso e cremoso, con un alto concentrato di latte vaccino scremato e fermenti lattici vivi. 

Dai Farmers' Market agli scaffali di tutto il mondo

All'inizio Siggi's veniva venduto direttamente dal suo creatore - che scriveva le etichette ad una ad una - nel mercato agricolo di Manhattan. Visto il successo di questo prodotto e l'interesse di alcuni investitori però presto il marchio si è diffuso in tutti gli Stati Uniti, arrivando a essere venduto dai più noti supermercati americani e da alcune catene, come Starbucks. Dal 2019 lo yogurt colato islandese sarà acquistabile anche in Italia, dove punta a raggiungere consumatori attenti a un'alimentazione sana, povera di zuccheri e ricca di proteine. 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Dai farmers' market di New York all'Italia: a Milano arriva lo yogurt all'islandese

MilanoToday è in caricamento