Il comune dice basta: smart working massimo 6 giorni al mese. Sindacati: 'Scelta improvvida'

Il comune richiama tutti al lavoro in presenza. Ma i sindacati sottolineano i rischi. I fatti

Ciao casa, bentornato palazzo Marino. Da lunedì al comune di Milano si ritorna a lavorare esclusivamente in presenza, o quasi. Il direttore generale Christian Malangone ha infatti inviato a tutti i responsabili le nuove disposizioni sullo smart working, tanto utilizzato durante i mesi più duri dell'emergenza coronavirus e nel periodo successivo alle prime riaperture. 

Una la grande novità: i dipendenti dell'amministrazione meneghina non potranno usufruire di più di 6 giorni di lavoro da casa al mese. "Il limite per ciascun singolo dipendente è di sei giornate di lavoro agile al mese - si legge nella mail - utilizzabili sia con cadenza settimanale sia consecutivamente, previo accordo con i direttori di riferimento". Fanno chiaramente eccezione "chi ha disabilità, particolari fragilità, è in quarantena o ha figli fino ai 14 anni in quarantena". 

Più volte il sindaco Beppe Sala aveva detto la sua sullo smart working, sottolineando come fosse necessario tornare al lavoro in presenza per "presidiare la scrivania", ma questa volta è la rappresentanza sindacale unitaria ad attaccare, evidentemente in disaccordo con la scelta di palazzo Marino. Le Rsu hanno già richiesto che "sia convocato immediatamente il tavolo sindacale in merito alle disposizioni". 

"In questo momento in cui c'è un aumento dei contagi - ha spiegato Stefano Mansi, rappresentante per la Sicurezza della Rsu - arriva questa determina del Comune che è improvvida, soprattutto perché non è possibile mantenere la distanza di sicurezza in molti uffici. Il rientro così massivo dei dipendenti - ha sottolineato - aumenterà i rischi di contagio". 

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

"Queste scelte, del rientro dei dipendenti dallo smart working devono essere adeguate ai vari ambienti di lavoro, una determina così generale per 14 mila dipendenti non ha senso. Siamo l'unica azienda medio grande della città che fa rientrare i dipendenti, le altre - ha concluso - sono tutte in smart working".

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Coronavirus: lockdown totale per Milano e la Lombardia? Fontana smentisce

  • Anche a Milano esplode la rabbia, rivolta anti Dpcm: molotov, bombe e assalto alla regione

  • Lockdown a Milano? Lunedì si decide il futuro della Lombardia. Ecco la situazione

  • Follia a Il Centro di Arese, fratelli aggrediscono i carabinieri: "Infame, adesso ti taglio la gola"

  • Lombardia, nuova ordinanza: confermato il coprifuoco, recepite le regole del Dpcm

  • Bollettino coronavirus: 5mila contagi in Lombardia, boom di ricoveri. Ecco la situazione

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
MilanoToday è in caricamento