Smog, la proposta: parcheggi gratis per chi viaggia con 3 o più persone in auto

E i mezzi pesanti in autostrada pagherebbero anche il "costo" dell'inquinamento, per fasce orarie: come chiede l'Europa

Repertorio

Lo smog a Milano è un problema serio, di cui si parla a "rotazione" cercando di arginare le emergenze, cioè i picchi di pm10, per esempio anticipando i blocchi parziali del traffico come è successo in questi giorni. E in prefettura è stato convocato un vertice con il ministro dell'Ambiente Sergio Costa. La quantità di polveri sottili è però alle stelle e la giornata umida del 15 gennaio, che (in attesa dei dati completi) ha certamente visto abbassarsi lo smog non è ovviamente sufficiente rispetto a una situazione generale preoccupante.

«Dovremmo incominciare a cancellare il termine "emergenza" per definire lo smog», commenta Enrico Fedrighini, appena tornato in consiglio comunale per i Verdi dopo nove anni di Municipio 8 (in cui è stato anche assessore all'ambiente): «Nell'area lombarda lo smog è un problema strutturale, la stagione critica dura da settembre a marzo. E se già a settembre, a riscaldamenti spenti, a Milano vengono superate le soglie di concentrazione degli inquinanti, significa che nell’area urbana milanese il traffico privato è la fonte principale di inquinamento atmosferico».

Soluzioni strutturali, quindi. Che però finora sono parziali: se da una parte Area B riduce almeno il numero di automobili che entrano in città, nei confini comunali milanesi, sono ancora troppi i pendolari che preferiscono l'automobile al treno. «Regione Lombardia demolisce ciò che rimane del servizio di trasporto ferroviario regionale», aggiunge Fedrighini che, però, non si accontenta di aspettare un nuovo governo, di diverso colore, al Pirellone. E lancia alcune idee pratiche, attivabili anche da subito e a costo zero (o a costi irrisori). 

Park pooling gratis

La prima: istituire in tutta Milano il "park pooling" gratuito. Che cosa significa? In pratica si consente alle auto che viaggiano con almeno tre persone di parcheggiare gratuitamente nei parcheggi di interscambio con la metropolitana e altri mezzi pubblici. Una proposta già avanzata dal Municipio 8. Atm (che gestisce sia i parcheggi, va ricordato, sia il trasporto pubblico milanese) non dovrebbe svantaggiarsene: a fronte di un minore introito per un'auto parcheggiata gratis, "guadagnerebbe" in biglietti venduti.

La seconda idea riguarda invece le autostrade lombarde ed è sempre incentrata sulla condivisione. Sull'A8-A9 (Autostrada dei Laghi) è già praticato lo sconto al casello, nelle ore di punta, per le vetture con tre o più persone a bordo. Si tratterebbe di estendere lo sconto a tutte le altre autostrade della Lombardia. Uno sconto forte per diminuire fortemente il numero di automobili, invogliando gli utenti autostradali a mettersi d'accordo per viaggiare insieme.

"Tassa" per i mezzi pesanti in autostrada

La terza idea coinvolge il traffico pesante e dovrebbe infine essere praticata da Regione Lombardia. E riguarda la direttiva europea Eurovignette, già applicata in diversi Paesi come la Germania, il Belgio, la Svezia, la Danimarca e alcuni Paesi dell'Est, come Ungheria e Slovacchia. Secondo la direttiva, il trasporto su gomma dovrebbe farsi carico dei costi esterni di inquinamento (ambientale e acustico) provocato da sé stesso. Un'esternalizzazione negativa, direbbero gli economisti. La soluzione? Installare rilevatori Gps a bordo dei mezzi superiori a 3,5 tonnellate, in modo da rilevare chilometraggio effettuato, tipo di strada, massa del veicolo, classe inquinante del motore.

Tutt'altro che una idea per fare cassa, perché la "tariffa" dell'inquinamento può essere differenziata per fasce orarie, aumentandola o riducendola a seconda delle esigenze della mobilità, soprattutto a ridosso delle aree urbane, per decongestionare il traffico e ridurre le emissioni inquinanti. «Non esiste un'unica misura risolutiva», aggiunge Fedrighini, «ma diverse misure da prendere a breve, medio e lungo periodo. Il trasporto su strada produce ogni anno, solo in Lombardia, l'emissione di 4.643 tonnellate di Pm10. Con queste misure possiamo dimezzare le emissioni e quindi i conseguenti rischi per la salute».

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Ubriaco fradicio alla guida, accosta e ferma i vigili: "Documenti grazie, devo farvi la multa"

  • Milano, incidente in via Trevi: Smart si ribalta e piomba dentro al negozio di kebab, un morto

  • Incidente fra tre camion sull'A4, autostrada chiusa e traffico in tilt: i percorsi alternativi

  • Milano, festino a base di cocaina, hashish e marijuana nell'hotel di lusso: arrestato 32enne

  • Margherita, Capricciosa e droga: arrestato titolare di una pizzeria, spacciava nel locale

  • Riapre corso Plebisciti: via libera alle auto dal 29 gennaio, come cambiano i mezzi Atm

Torna su
MilanoToday è in caricamento