Ospedali della Lombardia, 259 milioni dalla Regione per lavori. Si possono spendere subito

La decisione di Regione Lombardia. "Spicca" il Niguarda con 30 milioni di euro, sarà ristrutturato il padiglione Rossini

Sala d'accettazione al Niguarda (Wikipedia)

Trenta milioni per il Niguarda, otto per il Fatebenefratelli-Sacco, sei per il San Carlo-San Paolo. E' solo una parte degli investimenti che Regione Lombardia si prepara a mettere sul piatto per gli ospedali del territorio grazie ad un nuovo piano straorrdinario da 259 milioni di euro. Gli investimenti sono stati approvati dalla giunta su proposta dell'assessore al welfare Giulio Gallera. 

Si tratta di risorse utilizzabili fin dal 2020, in base ai progetti predisposti dai vari enti proponenti. 208 milioni sono destinati ad interventi strutturali, adeguamenti tecnici e di impianti. 25 milioni sono riferiti a spese varie di manutenzione, soprattutto per reparti ospedalieri di antica costruzione. Altri 25 milioni infine finanzieranno la sostituzione di macchinari e apparecchiature.

Tra i principali progetti (che partiranno subito), la riqualificazione del Padiglione Rossini del Niguarda, per un importo di 20 milioni e 300 mila euro, nonché la riunificazione della centrale operativa di Areu in un padiglione sempre del Niguarda, per un importo di 19 milioni e 400 mila euro. Gli altri due grandi progetti sono il completamento dell'ospedale Del Ponte di Varese (13 milioni e 600 mila euro) e nuovi reparrti agli Spedali Civili di Brescia (11 milioni e 700 mila euro).

«Nel riparto delle risorse, viene riservata una particolare attenzione anche agli ospedali di comunità che svolgono una funzione fondamentale al servizio dei cittadini», afferma Gallera ricordando, tra i vari interventi, la ristrutturazione del reparto malattie infettive dell'ospedale di Sondalo per 2 milioni di euro. Manutenzione per le sedi delle Ats, con 100 mila euro ciascuna.

Le risorse in dettaglio

Nel territorio dell'Ats di Milano, in tutto, vengono destinati 86 milioni abbondanti di euro, di cui 30 milioni e 200 mila euro per il Niguarda, 6 milioni e 123 mila euro per il San Carlo-San Paolo, 8 milioni e 100 mila euro per il Fatebenefratelli-Sacco, 2 milioni e 700 mila euro per il Pini-Cto, 6 milioni e 700 mila euro per Legnano, 7 milioni e 400 mila euro per Rho, un milione per l'Istituto dei Tumori, quasi 2 milioni per il Besta, 6 milioni e mezzo per il Policlinico, 7 milioni e 100 mila euro per Lodi, quasi 4 milioni per gli ospedali di Melegnano e della Martesana, 4 milioni e 100 mila euro per Cinisello e Sesto.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Covid, Lombardia verso entrata in 'zona arancione' da venerdì: cosa cambia

  • La Lombardia diventa zona arancione: adesso è ufficiale. Ecco da quando e cosa cambia

  • Milano, Lombardia diventa zona arancione: le faq per capire cosa si può fare e cosa no

  • Incendio a Cologno, fiamme ed esplosioni nel condominio: casa distrutta, palazzo evacuato

  • "Ve matamos a todos", poi calci e pugni: il folle assalto della 'gang', 5 poliziotti feriti in metro

  • Lombardia verso la zona arancione: ma non c'è nulla da esultare. I numeri

Torna su
MilanoToday è in caricamento