rotate-mobile
Attualità

Regione Lombardia sostiene il mondo dello spettacolo con due mozioni

I lavoratori del mondo delle arti e dello spettacolo hanno pagato sulla propria pelle la crisi del covid

I lavoratori del mondo dello spettacolo sono stati tra i più penalizzati dalla pandemia del covid. Probabilmente anche per questo sono state approvate all’unanimità dal Consiglio regionale della Lombardia due mozioni a loro sostegno.

Il primo documento (primo firmatario Curzio Trezzani – Lega, Presidente della Commissione Cultura) impegna la Giunta regionale a sostenere le figure professionali dei lavoratori dello spettacolo dal vivo, duramente colpiti dalle misure di restrizione del contagio da coronavirus e già da tempo in attesa di un riconoscimento formale delle professionalità, definendo in modo specifico la figura professionale dell’artista e del settore creativo.

La seconda mozione (primo firmatario Andrea Fiasconaro – M5Stelle) impegna, su proposta di Paola Bocci (PD), il Presidente della Giunta ad attivarsi presso il Governo per istituire un Osservatorio regionale sul settore dello spettacolo, in coordinamento con l’Assessorato regionale alla Formazione e lavoro.

Soddisfazione è stata espressa da parte del proponente della mozione Curzio Trezzani (Lega): “Il rapporto di lavoro nel settore dello spettacolo presenta caratteristiche particolari che lo differenziano dai modelli tipici del rapporto di lavoro subordinato, parasubordinato e autonomo. Queste particolarità si rintracciano principalmente in un’ampia mobilità professionale e territoriale; inoltre, tale professionalità si caratterizza come un’attività che riveste con frequenza i caratteri della temporaneità, della stagionalità e della ciclicità”.

In dichiarazione di voto, Raffaele Erba del Movimento 5 Stelle ha sottolineato come “i lavoratori lombardi dello spettacolo hanno prodotto un’importante proposta di revisione del settore. È proprio questa proposta che chiediamo sia portata con forza ai tavoli nazionali”.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Regione Lombardia sostiene il mondo dello spettacolo con due mozioni

MilanoToday è in caricamento