Attualità Rogoredo / Via Monte Piana

La strada della scuola, chiusa alle auto, diventa una "play street"

E' il risultato di un patto di collaborazione firmato dal Comune di Milano con la scuola e alcune associazioni di quartiere. Una sperimentazione, per ora

La strada chiusa al traffico e un "playground", spazio per il gioco, al posto delle automobili. Per ora è una sperimentazione (durante gli ultimi due giorni di scuola) ma l'idea è farla diventare realtà continuativa. E magari anche in altri quartieri. Milano, quartiere Rogoredo, via Monte Piana: l'istituto Sottocorno ha firmato un patto di collaborazione col Comune di Milano e alcune associazioni: VerdeFestival, E'-Vento, Vivi Rogoredo, Primavera 2005 e Associazione Un libro in movimento. Quest'ultima, insieme a Cities4CSR, ha messo le risorse. A "monte", un accordo tra il Comune e Arup Spa, per realizzare la Play Street. 

E, approfittando degli ultimi giorni di scuola di un anno difficile per gli alunni, tra dad e lezioni in presenza, il patto è stato già sperimentato. Con successo, a giudicare dal numero di bambini entusiasti di "appropriarsi" della strada così tante volte percorsa per entrare o uscire da scuola.

Non è l'unico patto di collaborazione tra Palazzo Marino e le scuole: un altro è stato firmato, anch'esso, proprio martedì 8 giugno. Questa volta con la scuola primaria Ciresola di via Venini. Diverso l'obiettivo: prendersi cura di un'area verde in via Ferrante Aporti 120, ribattezzata "piccola goccia", insieme all'associazione Fas, all'associazione Reteambiente e alle associazioni Genitori Ets. Fondamentale il sostegno di Fondazione Cariplo, tramite Labsus, e di Italia Nostra - Cfu.

In questo caso si tratterà di realizzare, nel parchetto, attività didattiche e di socialità, all’aria aperta, destinate agli alunni e alle alunne della scuola. Il parco sarà collegato all'istituto da un percorso creativo e al resto del quartiere e sarà completamente accessibile, con cartelli multilingue.

Partecipazione dei cittadini alla cura dello spazio pubblico

«Lo strumento dei patti di collaborazione - ha dichiarato l’assessore alla partecipazione Lorenzo Lipparini - è nato per rendere semplice e allo stesso tempo concreta la partecipazione dei cittadini a progetti di cura degli spazi pubblici proposti e realizzati dal basso, col beneficio dell’intera comunità. In questi mesi di pandemia i progetti non si sono fermati e abbiamo anzi accompagnato un numero crescente di patti. Possiamo dire con soddisfazione che ormai questo strumento è non solo conosciuto dai cittadini ma sempre più richiesto e utilizzato, a testimonianza del desiderio di questa città di essere parte della sua trasformazione in meglio, anche nei suoi spazi più piccoli ma estremamente importanti per chi li desidera vivere e usare».

«Con la firma di questo patto di collaborazione - ha aggiunto l’assessora all'educazione Laura Galimberti - si fa concreta la logica delle scuole aperte alla città. Una compenetrazione che deve funzionare anche al contrario: in questo caso, infatti, sarà il quartiere a offrire ai bambini e alle bambine dell’Istituto Ciresola uno spazio per implementare l’outdoor education, pratica fondamentale su cui vogliamo puntare molto, soprattutto in questo periodo complesso».

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

La strada della scuola, chiusa alle auto, diventa una "play street"

MilanoToday è in caricamento