Milano, ecco "Occhio di Aquila": la telecamera che multa in automatico le auto "furbette"

Partita martedì la sperimentazione. Ecco come funziona il nuovo strumento di Atm. I dettagli

Foto repertorio

Ai "controllori" basterà passare accanto alle auto per scoprire quelle in "divieto". E quindi, evidentemente, far partire le multe.

Atm, che a Milano gestisce la sosta sulle strisce blu in città, ha un nuovo strumento nella lotta ai "furbetti del grattino". 

Martedì mattina, infatti, l'azienda di Foro Bonaparte ha iniziato la sperimentazione di "Occhio di aquila", una telecamera - montata su una macchina della flotta Atm - che scannerizza in automatico le vetture parcheggiate. 
 
Spiega Il Giorno, che ha pubblicato la notizia in anteprima: 

L’Occhio di Aquila consiste in una telecamera capace di leggere le targhe delle auto semplicemente passandovi accanto e trasmette, su rete wireless, eventuali irregolarità al cervellone centrale che gestirà i dati da tradurre poi in multa. 

Il sistema ricorda molto da vicino il vecchio street control a lungo usato dalla polizia locale, ma questa volta sarà completamente gestito da Atm. I primi esperimenti sono stati effettuati martedì mattina in zona Palasharp. Una volta finite le verifiche, l'occhio di aquila scenderà in campo. 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Covid, Lombardia verso entrata in 'zona gialla': cosa cambia

  • Vitamina D, che cosa mangiare per farne il pieno

  • Milano, Metropolitana M4: ecco le prime immagini della fermata dell'aeroporto Linate

  • Milano, festa al parchetto con gli amici: mix di alcol e droga, ragazzina 16enne in coma

  • Pasta al glifosato: ecco i marchi che la contengono (e quelli da non dare ai bimbi)

  • Covid, Milano si sveglia in zona arancione: riaprono i negozi. Galli: "Scelta politica"

Torna su
MilanoToday è in caricamento