rotate-mobile
L'attacco dopo la battuta

Zorzi contro Pucci: "Come fai a dire che lo prendo in...?"

Tutto nasce da una battuta che Pucci avrebbe detto durante uno spettacolo. Zorzi risponde su Instagram, in poche ore si scatenano i commenti sui social

Scintille social tra il comico Andrea Pucci e il conduttore televisivo Tommaso Zorzi per una battuta omofoba del primo all'indirizzo del secondo. E' stato lo stesso Zorzi a renderlo noto su Instagram, attraverso alcune storie. Ha raccontato di avere saputo da un'amica che, durante uno spettacolo, Pucci avrebbe fatto una battuta sui tamponi anticovid dicendo: "Se sei fortunato, il tampone te lo fanno in una narice. Se sei str... te lo fanno in due narici. Se sei molto str... te lo fanno in gola. Se sei Zorzi, in c..o".

"Parliamone un attimo", ha replicato Zorzi: "La cosa che mi fa impazzire è: tu che cosa ne sai? Tu che cosa ne sai di dove lo prendo io? Come fai ad arrogarti il diritto di salire su un palco e dire alla gente che io lo prendo in c..o. è una roba che mi fa impazzire". E ha proseguito: "Questa cosa degli omosessuali che lo prendono lì, siamo nel 2022, gli anni '80 sono finiti, ci sono stati i '90, i 2000, i 2010, sono passati 40 anni da quando poteva far ridere una roba del genere. Immaginate se io salgo su un palco e dico 'oh ragazzi, ho rotto l'aspirapolvere ma non so se prenderne una nuova o usare la moglie di Pucci, con quello che suc...a'. Tu mi daresti del pazzo, mi diresti 'come ca..o ti permetti, sciacquati la bocca. Ma siccome fa ridere si può dire che i gay lo prendono tutti nel didietro".

"Secondo me, Pucci mi deve delle scuse, a due giorni dal pride di Milano. Se ti sto sulle palle perché sono troppo gay, e lo dici da maschio etero, possiamo girarci intorno quanto vogliamo, ma tu sei omofobo", ha concluso Zorzi in alcuni video. Nel frattempo la polemica è esplosa e, sui social, è diventata il primo argomento trend. 

Una delle stories di Zorzi

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Zorzi contro Pucci: "Come fai a dire che lo prendo in...?"

MilanoToday è in caricamento