Milano, il comune regalerà uova di Pasqua ai bambini delle famiglie in difficoltà

Si tratta di una fornitura di uova e colombe donate da un'azienda a Palazzo Marino

Colombe per i medici, per chi ha tenuto in ordine e pulita Milano in piena pandemia da coronavirus, ma anche per chi ha guidato un mezzo pubblico. E poi uova di pasqua per i bambini delle famiglie più bisognose. Verranno distribuiti i dolci che sono stati donati al comune di Milano. Lo ha annunciato il sindaco di Milano, Giuseppe Sala, nella mattinata di giovedì 9 aprile durante un videomessaggio sui social.

"In questi giorni — ha chiosato Sala — doneremo anche trentamila colombe e uova di Pasqua che un importante produttore ha regalato al Comune: le porteremo negli ospedali oppure le daremo a chi ha lavorato per noi in questi giorni, per esempio a chi ha guidato un mezzo pubblico o ha pulito le strade".

Ma il sindaco, affrontando il discorso di come potrebbe cambiare Milano per effetto del Coronavirus, ha lanciato anche un'idea: scaglionare l'orario di apertura delle scuole della città. "Le scuole aprono tutte alla stessa ora e in quella fascia oraria le strade sono piene le macchine incolonnate e c'è il peggio per l'inquinamento — ha chiosato —. Ovviamente ha un senso: si portano i bambini a scuola e poi si va al lavoro ma non è immaginabile che invece si scaglioni un po' l'orario di apertura degli istituti scolastici, rendendo diverso il traffico e quindi inquinamento?".

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Ma i cambiamenti non riguarderanno solo la scuola. "A tutti noi è capitato di dire o di sentire dire che nulla sarà come prima del coronavirus e che cambierà tutto — ha dichiarato Sala —. È logico ma diventerà reale se noi lo vorremmo, cioè se noi saremo disponibili a mettere un po' in crisi nostri comportamenti per accettare il cambiamento, e questo vale per tutti. In altre parole bisognerà capire se lo smart working, che oggi è diventata una realtà, si perderà totalmente o in parte lo utilizzeremo ancora? Oppure questa nostra abitudine molto latina di fare in continuazione riunioni, di metterci uno di fronte all'altro e che ci costringe continuamente in giro per la città, rimarrà così oppure useremo le tecnologie?".

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Milano, passante insegue un rapinatore in metro e con un pugno lo riduce in coma

  • Incidente a Milano, scontro tra monopattino e auto: cade e sfonda il parabrezza, uomo in coma

  • Orrore per una mamma di Milano, violentata e picchiata davanti ai suoi bimbi: un arresto

  • Milano, esplosione in piazzale Libia: è uno chef de rang il 30enne intubato al Niguarda

  • Follia sul bus Atm, "sgridato" per la bici a bordo: sfonda il vetro e aggredisce l'autista

  • Milano, scuola e covid: 4 bimbi positivi, tutte le classi in isolamento (più una educatrice)

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
MilanoToday è in caricamento