menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Mancano i vaccini, meno immunizzazioni in Lombardia: 10mila somministrazioni al giorno

A gennaio e febbraio, quando le consegne erano regolari, venivano iniettate anche 22mila dosi al giorno. Ecco tutti i dati

Non è ancora decollata la campagna vaccinale in Lombardia e il motivo è uno solo: manca la materia prima. La macchina vaccinale sembra essere come un'automobile senza benzina o una bicicletta senza catena: inutile e immobile. E la curva delle vaccinazioni giornaliere, dopo due picchi registrati a metà gennaio e a inizio febbraio sta tendendo verso il basso. Tradotto? Dal 4 febbraio ad oggi la campagna ha rallentato. E non è colpa della struttura messa in campo dalla squadra di Fontana dato che sono state somministrate quasi il 74% delle dosi arrivate dall'Europa.

Dal vaccino day del 27 dicembre 2020 in Lombardia sono state somministrate 625.444 dosi di siero. La media è desolante: circa 10mila e 200 immunizzazioni al giorno, cifra che tiene conto anche delle persone che hanno ricevuto la seconda dose: 123.903. Si può fare più? Certo, e i sanitari lombardi lo hanno già dimostrato nelle scorse settimane. Non solo: il Pirellone sta mettendo in campo risorse per accelerare ma senza la materia prima è tutto inutile.

In Lombardia, almeno secondo i dati pubblicati dal Ministero, non c'è nessuna distinzione tra le varie tipologie di marche: viene iniettato tutto. Per il momento, comunque, il vaccino più utilizzato è quello prodotto da Pfizer (590.750 dosi inoculate), segue Astrazeneca (27.453) e poi Moderna (7.241).

La lunga campagna vaccinale: il cronoprogramma

Nei giorni scorsi una start-up polacca, Omni-calculator, ha messo a punto un semplice software che stima, secondo i ritmi ufficiali finora mantenuti, quando sarà il turno di ognuno per la vaccinazione. Ovviamente, il programma si basa su dati che possono variare rapidamente e che non hanno pretese di assoluta scientificità. Ma può dare un'idea sugli orizzonti temporali. Qui per provarlo. Alla velocità attuale (italiana) un 25enne in salute potrebbe ricevere il vaccino contro il covid dal 1° marzo 2023.

Draghi: "Sui vaccini bisogna correre"

Sui vaccini occorre andare più veloce e lo ha detto anche il premier Mario Draghi che durante il summit dei 27 leader Ue, svoltosi nella giornata di giovedì 25 febbraio, ha simbolicamente "battuto i pugni sul tavolo". In particolare, rispetto alla diapositiva sulle consegne delle dosi di vaccino del secondo e del terzo trimestre, mostrate dalla presidente Ursula Von der Leyen, il premier italiano ha affermato che "non sono rassicuranti perché non danno certezze".

Il premier ha poi affermato che le aziende che non rispettano gli impegni non dovrebbero essere scusate. Richiamando gli esempi del Regno Unito e degli Stati Uniti, che tengono per loro i vaccini, il primo ministro ha inoltre chiesto perché l'Europa non possa fare altrettanto, invitando anche a guardare ad altre produzioni fuori dell'Ue.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Coronavirus

Cos'è la "certificazione verde" per uscire dalla Lombardia e come si ottiene

Coronavirus

Vaccini covid, il 22 aprile partono le prenotazioni per i 60-64enni

Attualità

Netflix ha ambientato una serie tv a Milano

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
  • Elezioni comunali 2021

    Il nostalgismo

  • Porta Nuova

    In piazza Gae Aulenti è comparso un enorme caprone di legno

  • Cologno

    Le sette caprette salvate a Cologno (Milano)

Torna su

Canali

MilanoToday è in caricamento