Attualità

La Lombardia accanto alle vittime del dovere: soldi a famiglie, borse di studio e 'lavoro' ai figli

La giunta regionale ha approvato la proposta di Riccardo De Corato per le vittime del dovere

La Lombardia "abbraccia" le vittime del dovere. Mercoledì, infatti, la giunta regionale ha approvato uno stanziamento di sessantamila euro per le famiglie di appartenenti a forze dell'ordine e dipendenti pubblici morti o gravemente feriti durante il loro lavoro. 

La proposta - poi approvata - era stata presentata dall'assessore alla sicurezza, polizia locale e immigrazione, Riccardo De Corato. 

"Con questo provvedimento - ha sottolineato l'ex vicesindaco del comune di Milano - la Regione riconosce alle vittime del dovere e ai loro familiari, residenti o prestanti servizio in Lombardia all'epoca dell'evento che ha portato al riconoscimento dello status, delle misure di sostegno". 

"Si tratta in pratica di erogazione di contributi - ha aggiunto De Corato - a titolo assistenziale". Invece, in "favore degli orfani di vittime del dovere", sono state pensate "borse di studio e una riserva di posti nei tirocini e attività di ricerca presso gli enti del sistema regionale".

"Oltre a questo - ha spiegato ancora l'assessore - è prevista, per l'anno d'imposta in cui si è verificato il tragico evento, anche la sospensione degli obblighi tributari nei confronti della Regione. Con questo provvedimenti Regione Lombardia - ha concluso De Corato - intende stare vicino alle famiglie ed ai feriti".

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

La Lombardia accanto alle vittime del dovere: soldi a famiglie, borse di studio e 'lavoro' ai figli

MilanoToday è in caricamento