MilanoToday

Opinioni

MilanoToday

Redazione MilanoToday

Da largo Toscanini alla casa natìa del Manzoni: un percorso nel cuore di Milano

Largo Toscanini, il Verziere, palazzo Visconti di Modrone: l'itinerario di sabato con Milanodavere.it

Largo Toscanini, adiacente alla ben più famosa piazza San Babila, apre la strada ad un percorso estremamente interessante: percorso che faremo assieme sabato 2 giugno dalle ore 18.00. Partendo da qui infatti ed imboccando via Durini, si può ammirare al civico 24 un palazzo progettato nel 1648 da Ricchino: questa costruzione cambiò radicalmente l’aspetto della via, fino a quel momento particolarmente modesto.

Questa realizzazione fu voluta da chi diede il nome al palazzo (e alla via): Gian Battista Durini. All’interno è possibile ammirare affreschi  del XVII e XVIII secolo di scene mitologiche. Poco più avanti sullo stesso lato e per la precisione al civico 20 troviamo la dimora del maestro Toscanini: qui infatti visse dal 1909 al 1957. Stupendo il balcone che si affaccia sulla via.

TUTTE LE INFORMAZIONI PER ISCRIVERSI ALL'ITINERARIO

Subito dopo troviamo la chiesa di S.Maria della Sanità: disegnata da Carlo Federico Pietrasanta è detta “el viulun” per la sua tipica forma; all’interno sono molto interessanti degli affreschi del 1500 e del 1700. Terminata via Durini e arrivati in largo Augusto è impossibile non notare la colonna del Verziere: eretta come offerta votiva per la fine della peste, è una della poche testimonianze rimaste dopo che nel 1700 vennero soppresse le confraternite che avevano il compito di gestire queste opere.

Girando subito a sinistra ed entrando in via Cerva, ci si può fermare ad ammirare alcuni balconi del 1700: seppur inseriti in un contesto diverso, sono ciò che rimane del palazzo Visconti di Modrone, demolito dopo la seconda guerra mondiale.

Nei giardini di questo palazzo, che affacciano sulla via che porta proprio di nome Visconti di Modrone, troviamo un parapetto di arenaria traforata: la sua presenza qui, oggi magari curiosa, ci fa ricordare che è servita fino a qualche decennio fa in quanto al posto della strada c’era il naviglio. Sull’altra sponda, o come forse è più giusto dire oggi, dall’altra parte della strada possiamo notare al numero 16, una targa ci ricorda che lì nacque Alessandro Manzoni. Il celebre autore dei Promessi Sposi, venne poi battezzato nella chiesa posta all’inizio di questo nostro giro: nella chiesa di San Babila.

Si parla di

Da largo Toscanini alla casa natìa del Manzoni: un percorso nel cuore di Milano

MilanoToday è in caricamento