menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay
Nebbia a Milano

Nebbia a Milano

Se quella che era nebbia un tempo ora è solo foschia

Arrivato in una zona circondata da prati, parchi e acqua, mi accorsi una mattina che... la casa di fronte era svanita: non si vedeva, davvero niente

1985: dal centro di Milano mi spostai in quella che allora era ancora periferia. Avevo già avuto modo di conoscere la nebbia, ma capitava di incrociarla quando con mio padre andavo a Sesto Calende a pescare; in città non avevo ben presente cosa fosse.

Fino ad allora. Arrivato in una zona circondata da prati, parchi e acqua, mi accorsi una mattina che... la casa di fronte era svanita: non si vedeva, davvero niente.

Lo confesso, fu amore: la nebbia è per me un qualcosa di speciale. Mi piace vederla arrivare, vedere che copre le cose intorno. Mi piace l'odore che porta con sè. Sarò matto, ma amo guidare quando c'è la nebbia. Negli ultimi anni però, si è un po'... persa di vista (gioco di parole non voluto): quello che era il bel nebbione, si è trasformato in foschia. Sembra che arrivi, la si vede, ma poi... le finestre del palazzo davanti a casa sono ancora lì, al loro posto.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
  • Attualità

    L'imprenditore milanese che inventa il "buco" per bere dalla mascherina

  • Cultura

    I teatri che a Milano lottano e non vogliono morire

  • Coronavirus

    Come si curano oggi i tossicodipendenti a Milano

Torna su

Canali

MilanoToday è in caricamento