Buonanno contro i gay. Giovani padani: "dichiarazioni inaccettabili. Si prendano provvedimenti disciplinari"

Nota - Questo comunicato è stato pubblicato integralmente come contributo esterno. Questo contenuto non è pertanto un articolo prodotto dalla redazione di MilanoToday

In merito alla volontà dell'europarlamentare Gianluca Buonanno di schedare gli omosessuali, sottoporli a TSO e offrire una banana e un finocchio, sono intervenuti i Coordinatori provinciali del Movimento Giovani Padani di Milano, Como, Monza e Brianza, Varese, Pavia, Lecco, Crema, Cremona, Martesana, Ticino e Lodi.

"Riteniamo inaccettabili le parole di Gianluca Buonanno - dichiarano i rappresentanti dei giovani Padani - e ne prendiamo nettamente le distanze in quanto non hanno nulla a che fare con la linea politica della Lega Nord e il pensiero dei Giovani Padani. L'orientamento sessuale di una persona non deve assolutamente rappresentare una discriminante per chi, come noi, ha come fine l'Indipendenza della Lombardia, che rappresenta l'unico modo per ridare speranza e un futuro a tutti i cittadini Lombardi.

Buonanno non è nuovo a sparate di questo tipo fatte unicamente per avere visibilità personale. Auspichiamo pertanto che la Segreteria Federale prenda immediatamente provvedimenti disciplinari al fine di tutelare l'immagine della Lega Nord e dei suoi militanti.

Siamo stanchi - concludono i Giovani Padani - di chi, utilizzando il proprio ruolo istituzionale, rilascia dichiarazioni che ledono il Movimento e ne screditano le proposte concrete."

Torna su
MilanoToday è in caricamento