rotate-mobile
Domotica

Lampade dimmerabili, come funzionano

I vantaggi di questo tipo di illuminazione

Le luci dimmerabili consentono di regolare l’intensità della luce e cambiare rapidamente l’illuminazione. Questo tipo di luce è perfetta per poter creare differenti atmosfere utilizzando sempre lo stesso impianto. Il dimmer è un dispositivo per controllare l’intensità della luce in una stanza.

Come funziona un dimmer

Il dimmer può essere applicato sia alle lampadine alogene e ad incandescenza sia a quelle a Led, ma quelli che si sfruttano per le prime due lampadine, non possono essere utilizzati per quelle a led. I dimmer (o varialuce) delle lampade alogene o ad incandescenza hanno una potenza minima di 40W e una massima di 80W. Nel momento in cui sostituiamo queste lampadine con quelle a Led, dobbiamo ricordarci che queste ultime hanno un voltaggio inferiore rispetto al minimo consentito dal dimmer. Questo potrebbe portare a sfarfallii e a compromettere la qualità dell'illuminazione.

Per questo motivo esistono dimmer pensati a seconda della lampadina: per quelle a Led hanno una potenza che va da 0 a 150 watt.

I vantaggi

Avere la possibilità di regolare l’intensità della luce ha i suoi vantaggi, come ad esempio:

  • Ridurre i consumi in bolletta: se si preferisce la luce soffusa, basta diminuire l’intensità con naturale riduzione della potenza e dei costi in bolletta
  • Aumentare la durata delle lampadine: soprattutto quelle a risparmio energetico che hanno nello stesso tempo una maggiore efficienza
  • Creare un ambiente confortevole: decidendo l’intensità della luce, la adattiamo alle nostre esigenze
Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Lampade dimmerabili, come funzionano

MilanoToday è in caricamento