Nuovo hotel del brand 21 House of Stories dedicato all’ospitalità ibrida di Alessandro e Mauro Benetton, con una sede già avviata in Città Studi (con lo stesso format). Un luogo giovane e dinamico, come la città che lo ospita, dove alloggiare oppure andare soltanto a provare la cucina di Domenica, il bistrot guidato dai due giovani chef Diego Pioli e Alessio Roberto Albiero, con la supervisione di Arco - la società di consulenza dello chef Andrea Ribaldone. C’è anche un cocktail bar con drink list firmata da Franco Ponti e un rooftop con piscina dove godersi l’aperitivo con vista sulla città. Inoltre, qui si può anche lavorare in super tranquillità nel social space affacciato sui Navigli, pensato proprio per il co-working. Si può venire tutta la settimana (8-18 nei giorni lavorativi e 10.30-17 durante il weekend) pagando 9€ al giorno, inclusi acqua e caffè illimitati, mentre è gratuito per gli studenti. E in più offrono pacchetti combinati con il pranzo presso il bistrot Domenica, che rimane a disposizione anche per snack e panini tutto il giorno.

21 House of Stories Navigli
Apri su Maps 0236680930 @thisiscombo

Combo non è solo un ostello ma un vero e proprio spazio polifunzionale sui Navigli. Qui c’è un bar, un ristorante, una radio, un grande cortile immerso nel verde e una serra in cui lavorare o rilassarsi con wi-fi libero e postazioni per il pc. La cucina è praticamente sempre aperta con un menu ad hoc per ogni momento della giornata: dalla colazione dolce o salata alla cena, passando per il pranzo e l’aperitivo, con il menu bar a base di una serie di piattini da condividere. L’offerta gastronomica è una fusione tra i sapori del mediterraneo e quelli asiatici, tra lo street food internazionale e la tradizione italiana, con diversi piatti che cambiano quotidianamente. Tacos, vegan bowl, hamburger, piatti di pasta e molto altro. Nel weekend invece, si può fare brunch con pancake, avocado toast, porridge e bagel.

Combo Milano-2
 

Nato nel 2011 da un gruppo di giovani milanesi, questo ostello ha la sua prima sede a via Medici, ed è per tutti il posto alla mano in cui fare aperitivo. Qui si può bere un drink spizzicando qualcosa dalla cucina, oppure fermarsi per cena e scegliere dal menu (ci sono anche opzioni vegetariane). Per il brunch si può optare per un piatto singolo oppure per il buffet libero (18€). Nel piano seminterrato c’è un altro spazio dedicato a piccole esibizioni e serate a tema, oltre a delle chitarre messe a disposizione per gli ospiti. Nel 2015 in zona Stazione Centrale è nata la seconda sede milanese Ostello Bello Grande, che con spazi ancora più ampi propone serate karaoke, eventi, letture ed è dotato di un cortile interno, una terrazza, amache e tavolini da ping pong. Anche qui l’ingresso è aperto a tutti, per il pranzo il  bar propone un menu con dei piatti fissi e dei piatti del giorno mentre l’aperitivo inizia alle 18 con la possibilità di potersi fermare anche per cena. Oggi Ostello Bello ha sedi in tutta Italia (Roma, Firenze, Napoli, Como, Bevagna, Venezia e prossimamente Palermo) e tre in Myanmar.

Apri su Maps 0282396603 @yellowsquarehostel

Yellow Square si trova a pochi passi dalla metro Porta Romana e si differenzia dagli altri ostelli per i tanti spazi dedicati al divertimento. Qui si organizzano concerti, serate, spettacoli ed eventi di ogni tipo che prendono forma dentro La Chapel, una cappella sconsacrata e nascosta all’interno dell’ostello, oppure nei 250 metri quadri del Salone14 che vengono sfruttati per la musica, le feste o le lezioni di fitness. Come aree comuni c’è anche un salone con cucina in condivisione e biliardo, oppure la Piazzetta, un cortile interno caratterizzato da sedie e tavolini colorati in ferro battuto e piante rampicanti che fanno da cornice a tutto lo spazio esterno. Per il coworking ci si può sedere al Baretto, qui si può lavorare facendo una colazione tradizionale o salata e chiudere la giornata con un aperitivo al bancone.

 

In un edificio di fine Ottocento, il Babila Hostel si fa riconoscere per un design particolarmente curato, in linea con il quartiere in cui si trova ovvero il Quadrilatero della moda. Qui arrivano da tutto il mondo viaggiatori e backpackers coi loro zaini, ma anche uomini e donne che si trovano a Milano per lavoro e cercano un alloggio più dinamico e stimolante. Babila Hostel ha un angolo Bistrot & Bar aperto a tutti che propone jam session, musica dal vivo, eventi. Per il pranzo il menu è fisso mentre a cena si può scegliere alla carta tra i piatti proposti dallo chef Atif, dalla pasta, agli hamburger fino ai secondi di carne e pesce. Si può venire qui anche per aperitivo e dalle 19 fino alle 20 c’è l’Happy Hour, ovvero un’ora in cui tutti i cocktail e gli shot sono a metà prezzo.

Da Madama Hostel si può mangiare un Club Sandwich o una puccia (panino tipico pugliese) al pulled pork e avere intorno delle vere opere d’arte. A piazza Lodi, questo ostello è un’ex caserma di polizia riammodernata con pezzi di recupero, mentre le pareti e gli arredi sono ad opera di artisti e designer che espongono le loro opere o che creano i loro murales direttamente in loco. Aperto tutto il giorno, l’ostello offre un servizio attivo dalla colazione fino al dopo cena mentre il sabato e la domenica il brunch è disponibile dalle 12 alle 16 con la formula a scelta tra Classica Brunch o il Brunch della Nonna, una selezione di piatti tipici italiani dello chef. A pranzo il menu veloce e sfizioso è caratterizzato da ricette internazionali, vegetariane o vegane come il guede un hamburger di patate e spinaci (9€) o le fajitas (tortillas messicane) ripiene di salmone, pulled pork, pollo o zucchine e avocado (8€).
Apri su Maps @meininger_hotels

Di ostelli Meininger a Milano ce ne sono ben due, uno a Lambrate difronte la locale stazione ferroviaria e l’altro in zona Garibaldi, comodo per chi cerca un alloggio in zone centrali. L’arredamento è moderno e tutti gli ospiti hanno accesso alla cucina comune per prepararsi da mangiare in autonomia. La colazione prevede un buffet (7,90€), per il pranzo si può chiedere un pranzo al sacco da portare via (6,50€) e per orario aperitivo la zona bar offre vino, birra o cocktail e degli snacks.

Uno dei primissimi capsule hotel di Milano si trova in Corso Buenos Aires ed è lo spinoff di Zzzleepandgo, il servizio che mette a disposizione delle cabine in cui poter dormire a 9€ mentre si aspetta il prossimo volo (oggi presente nell’aeroporto di Malpensa, di Orio Al Serio, di Torino, di Verona, di Venezia, di Vienna, di Varsavia e nell’ospedale Papa Giovanni XXIII di Bergamo). Ostelzzz è invece un ostello composto da grandi stanze e all’interno una decina di capsule fornite di materasso (singolo o doppio) e uno scomparto per mettere gli effetti personali. C’è un solo bagno per camera e se si vuole intimità si può chiudere l’ingresso della capsula con una tendina. Il servizio check-in e check-out è completamente automatizzato e gestito da un sistema high-tech, nell’albergo c’è un’area comune con angolo bar e un buffet per la colazione. Il prezzo a notte è di 50€.

Apri su Maps 0236564959 @quo_milano

Esattamente a metà strada tra Porta Romana e Cinque Giornate, Quo Hostel è uno spazio che mette a disposizione prese per la corrente e wi fi per il coworking ma soprattutto, ha un programma settimanale serrato che prevedete eventi di ogni tipo, dal karaoke al pizza party, dalle cooking class fino alle games night. Ogni giorno un’attività e la possibilità di fare aperitivo a 10€ dalle 18 alle 22. L’ostello ha anche una coffee lounge con giardino aperto dalla colazione fino al pranzo in cui è possibile anche organizzare eventi privati. Quo Hostel sta per aprire anche un tattoo studio all’interno della sua struttura.