Cronaca

Processato per furto: era libero ma dà in escandescenza in tribunale e viene arrestato

Nella notte tra il 18 e il 19 agosto l'uomo era stato arrestato per un furto sulla 90

Tribunale

Portato davanti al giudice delle direttissime del Tribunale di Milano per un furto compiuto su un autobus, un algerino ha dato in escandescenze quando, al termine dell'udienza, gli è stata applicata la misura del divieto di dimora nel capoluogo lombardo e mentre usciva dal Palazzo di Giustizia ha iniziato a spintonare ed inveire contro i carabinieri. Per questo è stato nuovamente arrestato.

Nella notte tra il 18 e il 19 agosto l'uomo era stato arrestato perché era riuscito a portare via ad un passeggero di un bus della linea 90 a piazzale Lotto pochi euro, il telefonino e un pacchetto di sigarette che l'uomo, addormentato, teneva nel borsello. I carabinieri, però, erano riusciti a bloccarlo e ad arrestarlo.

Quando in Tribunale, poi, il giudice ha disposto per lui il divieto di dimora a Milano, l'algerino ha iniziato ad urlare e se l'è presa con i carabinieri che l'hanno nuovamente arrestato per resistenza e oltraggio. L'uomo dovrà comparire ancora davanti al giudice per queste nuove accuse.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Processato per furto: era libero ma dà in escandescenza in tribunale e viene arrestato

MilanoToday è in caricamento